Due giorni nella capitale della Slovenia, tour nel centro storico

Ecco cosa scoprire nella capitale della Slovenia. Due giorni a Lubiana tra costruzioni medievali, cattedrali barocche e palazzi in art nouveau

Intima e raccolta Lubiana la capitale della Slovenia è una città ricca di storia e piena di attrazioni, con i suoi splendidi paesaggi alpini, la straordinaria architettura e un vasto patrimonio culturale che non hanno nulla da invidiare alle altre capitali europee. Infatti negli ultimi anni, la Slovenia si è affermata come nuova meta del turismo low cost in Europa, grazie anche a offerte turistiche sempre più attraenti che richiamano ogni anno un numero sempre maggiore di visitatori.

A piedi del fiume Ljubljanica che attraversa la capitale slovena si erge una collina su cui sorge il maestoso castello che domina sulla città, mentre nel centro storico sono conservati i più importanti monumenti e siti di grande interesse, tra cui teatri, musei e le gallerie d’arte e il mercato cittadino, che richiama le antiche tradizioni del popolo di questa zona della Slovenia. Ogni quartiere racconta la storia e le varie influenze culturali che hanno caratterizzato la cittadina nel corso dei secoli.

Un susseguirsi di stili diversi si contraddistinguono nei palazzi e edifici dell’epoca medioevale e barocca, vecchia eredità della dominazione austriaca anche se in tutta la capitale prevale il genio artistico di Jože Plečnik un brillante architetto che dagli anni Venti fino all’inizio della Seconda Guerra Mondiale, con le sue incredibili opere ha contribuito a riportare all’antico splendore le magnifiche fontane, i ponti, le chiese e l’imponente castello che domina la città della Slovenia, ispirato dall’architettura greca e romana mescolata con influssi bizantini e arabi.

Un tratto caratteristico della capitale della Slovenia sono i suoi numerosi ponti che attraversano il Ljubljanica da una parte all’altra, regalando scorci della città unici e suggestivi da immortalare in una fotografia o semplicemente da ammirare; così come sono incantevoli le vie che costeggiano il fiume, con i suoi graziosi caffè e locali che si affollano soprattutto la sera, in cui l’atmosfera è pervasa di magia.

La capitale della Slovenia è sicuramente la meta perfetta per chi desidera trascorrere due giorni all’insegna del relax e della cultura fra i sapori tradizionali della cucina slovena e tanto divertimento tra le vie della frizzante vita notturna. Con le sue atmosfere romantiche, allegre e rilassate è facile aggirarsi nel suo pittoresco centro storico con una semplice passeggiata alla scoperta dei suoi preziosi tesori e angoli nascosti: anche di notte, quando le luci riflesse sulle acque della Ljubljanica stendono un velo romantico.

A meno di 100 chilometri dal confine italiano il modo più semplice per arrivare nella capitale della Slovenia è in auto passando da Gorizia o Trieste o in treno, in partenza ogni giorno dal nord Italia che in un’ora e mezza vi conduce a destinazione. L’aeroporto principale della Slovenia è quello di Lubiana–Brnik e si trova a una ventina di chilometri dal centro della città. Può essere raggiunto dall’Italia con i voli low cost in partenza da Trieste.

Il luogo ideale dal quale far partire l’itinerario è quello che può essere definito il cuore del centro storico della città, ossia la Prešernov trg. Una meravigliosa piazza rotonda, dedicata al poeta nazionale Preseren, omaggiato anche da una statua in suo onore e abbellita da palazzi in stile Art Nouveau, come il Palazzo Centromerkur. La piazza che funge da punto di ritrovo per gli abitanti della città con i suoi bar e i tavolini all’aperto è sempre affollata a tutte le ore del giorno, soprattutto nel week end quando si popola di artisti di strada.

Vicino alla piazza si può ammirare anche la coloratissima Chiesa Francescana dell’Annunciazione con i suoi sei altari e il celebre Ponte dei Draghi, uno dei luoghi simbolo della città, sorto all’inizio del 1900. Considerate che fu la prima opera in cemento armato in Europa. Dedicata all’imperatore Francesco Giuseppe prende il nome dai quattro e feroci draghi in rame che sorvegliano il ponte ad arco. Nelle vicinanze merita un giro anche il Mercato Centrale, il più grande della capitale, per curiosare tra le classiche bancarelle di frutta, verdura e fiori, e tra quelle più piccole dei contadini locali che vendono miele e piccoli prodotti artigianali della Slovenia.

Alle spalle del mercato si trova la funicolare che porta al colle del Castello di Lubiana, uno dei simboli della città che ospita spesso concerti, attività culturali, dalla cui torre si gode di una delle più belle viste sul fiume e sul centro storico. Il complesso comprende un museo, due ristoranti e una cappella. Tornando a valle si incontra la Cattedrale di San Nicola, facilmente riconoscibile per la sua imponente cupola verde e per le due torri laterali. Nonostante le molteplici ristrutturazioni, le pareti interne conservano un bellissimo stile barocco e dei magnifici affreschi.

Andando oltre si passa per il famoso Triplice Ponte che attraversa il fiume Ljubljanica, un ponte a tre corsie progettato nel 1929 dall’architetto Plecnik, che per ampliare l’arteria principale della città e convogliare il traffico crescente decise di aggiungerne altri due laterali per il passaggio dei pedoni. Da non perdere anche la piazza Mestni trg dove si trovano un gran numero di edifici barocchi come il Municipio e la Fontana dei tre fiumi; oppure le zone suggestive intorno al Ponte dei Calzolai, chiamato così perché in epoca medievale qui pullulavano numerose botteghe di ciabattini,; oltre a questi siti vi è anche la piazza Stare trg, ricca di ristoranti, caffè e negozi ottocenteschi dalle facciate in legno e stretti passaggi di ciottoli che portano al fiume.

Lubiana è una capitale di cultura quindi se siete amanti dei musei e gallerie d’arte qui avrete solo l’imbarazzo della scelta. È possibile vedere il Museo Nazionale Sloveno che conserva importanti reperti che vanno dall’età della pietra al IV secolo a.C. Molto interessanti sono poi il Museo di Storia Moderna o la Galleria Nazionale.

Se invece preferite rilassarvi con un picnic o fare una passeggiata, la capitale della Slovenia possiede una grande moltitudine di parchi e aree verdi, uno su tutti i giardini di Tivoli. È considerato il polmone verde della capitale con i suoi giardini e i grandi viali punteggiati di fontane e statue che ospitano numerose specie di uccelli. Non dimentichiamo infatti che nel 2016 alla capitale della Slovenia è stato conferito il titolo di Capitale Verde d’Europa, che viene assegnato a quelle città che si sono distinte per la loro vocazione ecologica e di salvaguardia dell’ambiente.

Due giorni nella capitale della Slovenia, tour nel centro storico