Cosa vedere nel Delta del Danubio, tra Romania e Ucraina

Viaggiate alla scoperta del delta del Danubio per conoscere la storia delle popolazioni locali e ammirare incredibili paesaggi naturali

Tra la Romania e l’Ucraina si estende il delta del Danubio, un’enorme distesa verdeggiante ricca di sorprese naturali e meta ideale di numerose escursioni per viaggiatori intrepidi (o semplicemente curiosi). Qui potrete trascorrere una vacanza all’insegna della scoperta delle tradizioni antiche dei popoli che abitano questa zona e incontrare specie animali e vegetali che trovano nel delta del Danubio il loro habitat perfetto.

Il vostro viaggio può partire da Tulcea, all’inizio del delta del Danubio, una cittadina che contiene un paio di musei interessanti. Il principale è senza dubbio il Museo della storia e dell’archeologia, importante per ammirare i reperti legati al territorio del delta oltre a quelli prettamente connessi alla storia della città.

In questo museo si trovano alcuni reperti archeologici ritrovati nei pressi della Fortezza di Aegyssus, una zona di Tulcea di origine celtica costruita nel IV secolo a.C. e che testimonia la storia millenaria di questa città. Nei primi secoli dopo l’anno 0, la fortezza venne utilizzata come quartier generale e successivamente come residenza episcopale mentre oggi si tratta di un sito archeologico a cielo aperto dove si possono vedere alcuni pezzi ricostruiti, come le anfore.

Molto interessante per il tema del nostro viaggio è il Museo del turismo ecologico del Delta del Danubio. In questo sito culturale troverete esposizioni che riguardano le oltre 40 specie di vegetali e le numerose varietà di uccelli, rettili e mammiferi autoctoni. Inoltre, nel complesso museale è compreso anche l’acquario, dove in 150 tonnellate d’acqua nuotano 24 specie di pesci tipici di queste zone del delta, ma dove sono presenti anche vasche con colorati pesci pagliaccio e bellissimi coralli.

A meno di un’ora di auto da Tulcea vi è un altro sito interessante del delta del Danubio, anch’esso legato alla storia della regione: la Fortezza di Halmyris. Questo luogo era abitato dai romani e, successivamente, dai bizantini e utilizzato come sede dell’esercito. Inoltre, nei secoli successivi, qui trovò la propria base la flotta danubiana.

Se si vuole proseguire il percorso dentro l’immensa distesa fertile del delta del Danubio bisogna tenere in considerazione alcuni fenomeni. Primo tra tutti è l’elevato tasso di umidità e, di conseguenza, la notevole presenza di zanzare. Pertanto, vi consigliamo durante la bella stagione di munirvi di repellente per far fronte all’assalto. Inoltre, i sentieri percorribili all’interno della fitta vegetazione sono molti e intricati quindi è necessario muoversi con attenzione e progettare il percorso con cura per evitare di perdersi. Per ridurre questo rischio tenete in considerazioni che nelle città, come nella stessa Tulcea, potrete trovare numerose guide turistiche disposte ad accompagnarvi lungo il tragitto.

Se alcuni viaggi alla scoperta del delta del Danubio possono essere fatti a piedi, attraverso escursioni nei sentieri tracciati, altri vi faranno salire a bordo degli appositi battelli per godervi una mini crociera. Se avete tempo a disposizione vi consigliamo di soggiornare presso gli hotel all’interno della riserva, nel bel mezzo della foresta, mentre chi vuole entrare in contatto con le tradizioni della popolazione del delta del Danubio, può trascorrere qualche giorno presso le numerose famiglie che ospitano i viaggiatori nelle loro case per un’esperienza culturale molto interessante.

 

Cosa vedere nel Delta del Danubio, tra Romania e Ucraina