Cosa vedere nella Grande Sochi, sulle sponde del Mar Nero

Itinerario di visita della Grande Sochi, attraversando il centro e le belle attrazioni di Adler. Un viaggio tra natura, storia, cultura e divertimento.

Attorno al Mar Nero di Russia sorgono città molto belle da visitare. Una di queste è Sochi, con i suoi quattro distretti che la rendono una metropoli di discrete dimensioni. Affacciata sul Mar Nero e abbracciata dai monti del Caucaso, la Grande Sochi è diventata una meta turistica sempre più ambita, soprattutto a partire dalle Olimpiadi Invernali del 2014; si riempirà probabilmente ancora di più il prossimo anno, nel 2018, quando ospiterà calciatori di tutto il mondo che disputeranno le partite della consueta FIFA World Cup. In questa guida, esploreremo due quartieri della città, prima quello di Adler e poi il centro di Sochi.

Adler: storia, natura e divertimento
Per raggiungere Adler è sufficiente prendere uno dei bus che da Sochi portano alla stazione Golubye Dali. Usciti dalla stazione potrete subito osservare la città da un punto di vista panoramico: infatti, a meno di un chilometro dalla stazione, in via Golubye Dali, uno scorcio panoramico si apre come per magia. Tra gli edifici più importanti, troviamo le architetture delle chiese dello Spirito Santo e della Santissima Trinità.

La chiesa dello Spirito Santo presenta una facciata costruita in stile tipico russo, che si intuisce in particolare nelle caratteristiche della facciata. La chiesa che vedrete è il risultato di un rifacimento recente, sviluppato intorno al 1947. Il luogo ha un alto valore simbolico in quanto vi sono sepolti i corpi dei caduti durante la Guerra del Caucaso della fine del XIX secolo.

Molto vicino a questo splendido esempio di architettura locale c’è la chiesa della SS. Trinità, un bell’esempio di arte russa. Ammirate il bianco candido dell’edificio, le cupole e i colori talvolta freddi che ricoprono alcune zone, come il verde acqua intenso di un ponticello nella parte superiore della struttura.

La Grande Sochi è un distretto che ha saputo creare un buon equilibrio tra artefatti umani e zone naturali. Una delle aree che testimoniano la cura del paesaggio naturale è il Parco Južnye Kultury. Il parco nacque dall’iniziativa di un privato, un ufficiale chiamato Dračvskogo, che decise di donare un tocco di verde alla sua dimora. Per farlo, si procurò esemplari di piante esotiche provenienti dalla lontana Cina e da altri luoghi del continente asiatico. Oggi il parco raggiunge dimensioni enormi e custodisce più di 1400 specie vegetali.

Se siete ad Adler e volete divertirvi anche di sera, provate il locale FeRoom Entertaining Centre, un posto dove poter sorseggiare ottimi drink e giocare sulle piste bowling, per sfidare gli amici con cui condividete il viaggio.

Nella centralissima Sochi
Arrivate dunque al distretto centrale di Sochi per scoprire le sue bellezze. Passeggiate nel Parco Riviera, un parco progettato da un importante commerciante, Vasily Chludov, che incominciò a circondare la sua abitazione con alcuni alberi esotici. Ora quella piccola area verde è diventato il bel parco che potrete ammirare con i vostri occhi, assieme a tutte le attrazioni che nel tempo sono state costruite.

Sicuramente, se nella vostra vacanza ci sono anche i ragazzi, avranno tante occasioni per divertirsi nel Parco Riviera di Sochi. Potete visitare con loro uno degli acquari presenti, sia di acqua dolce che salata, il delfinario; oppure andare alla scoperta delle sculture che vi accompagnano lungo la passeggiata. Oppure andare a teatro e allenarvi in una delle aree sportive. Potete accedervi gratuitamente ad ogni ora del giorno.

Se vi piacciono le aree verdi, allora Sochi va per voi. Infatti, nella vostra passeggiata in città potete imbattervi in un altro bel giardino, il Giardino Venčagov. Anche in questo caso vi troverete di fronte ad un bell’esempio di varietà floreali da tutto il mondo. Solo qui sono raccolte circa 500 varietà di fiori, coltivate in terreni ricercati e provenienti da diverse zone, anche lontane dalla Russia.

Dal punto di vista architettonico, non mancano a Sochi edifici e palazzi degni di interesse. Lungo la via del Teatro c’è ad esempio la Villa Uspenskij. Qui la famiglia Uspenskij costruì la sua dimora con materiali e in uno stile stranamente lontani dalle sfarzosità russe.

Una vera chicca assolutamente da visitare è la Biblioteca Puškin. Anche qui vi troverete di fronte ad un bell’esempio di gusto russo per le bombature delle finestre. La biblioteca è collocata all’interno di un’area verde, quasi a ricordare che l’uomo può anche creare non per togliere bellezza alla natura, ma per valorizzare l’intimo legame con essa. Assolutamente da vedere.

Sochi è una città caratterizzata dal verde della natura, ma anche dal blu delle sue acque, quelle che formano il Mar Nero e quelle del fiume Sochi. Solcare le acque fluviali a bordo di una motonave è un’esperienza da non perdere. Dal porto della città partono diverse imbarcazioni che vi condurranno lungo il flusso del fiume, per osservare la città da un altro punto di vista. Ovviamente, per motivi climatici, il servizio è accessibile nel periodo estivo.

Per quanto riguarda i locali in cui deliziarvi di golosità culinarie, provate qualche locale sulle coste del Mar Nero. Vi consigliamo l’Harbor Bar, con una vista panoramica sul mare; per godere anche di un po’ di musica rock o di altro genere provate il Treugolnik, per rendere più elettrizzante ogni cocktail.

Cosa vedere nella Grande Sochi, sulle sponde del Mar Nero