Barcellona Card: il modo migliore per scoprire Barcellona

La Barcellona Card permette di scoprire tutte le bellezze della città usufruendo di sconti e agevolazioni su musei e attrazioni: ecco come funziona

Accesso illimitato ai trasporti pubblici compreso il treno per l’aeroporto, ingresso gratuito a gran parte dei musei della città e sconti escludivi su ulteriori attrazioni ed esperienze turistiche: la Barcellona Card permette ai viaggiatori di avere letteralmente in mano le chiavi della città, permettendo di risparmiare tempo e denaro, godendosi così le meraviglie del cuore cosmopolita della Catalogna, celebre soprattuto per l’arte, l’architettura e la sua colorata vita notturna.

Dove comprare la Barcellona Card e come utilizzarla

La Barcellona Card è acquistabile presso tutti gli uffici di informazione turistica della città e all’aeroporto a prezzo intero oppure online, con un piccolo sconto, tramite il sito ufficiale dell’ufficio del Turismo (bcnshop.barcelonaturisme.com) o tramite i siti dei rivenditori ufficiali, come barcelonacard.org. Le tariffe variano a seconda delle ore (consecutive) di utilizzo, con una scontistica via via crescente. Si va dalla card valida 72 ore (41,40€), a quella di 96 (50,40€) fino a quella che dura 120 ore (54,90€).

I bambini con età compresa tra i 4 e i 12 anni pagano la metà. La tessera si attiva automaticamente al primo utilizzo. Recentemente è possibile acquistare online una nuova versione della carta, denominata Express, della durata di 48 ore al costo di soli 18€. Questo nuovo prodotto, ideale per un weekend, non prevede ingressi gratuiti ma solo sconti per tutte le attrazioni principali. Al momento dell’acquisto i viaggiatori riceveranno in omaggio una mappa della rete della metropolitana cittadina e una guida (disponibile in sei lingue) con tutti gli ingressi gratuiti o scontati e la loro relativa posizione su una pratica mappa.

Barcellona Card: viaggi illimitati sui mezzi pubblici e ingresso gratuito ai musei

Con la Barcellona Card i viaggiatori hanno a disposizione l’intera rete dei trasporti pubblici cittadini e possono usufruirne senza limiti, per vivere la città nella comodità più assoluta. Bus, metropolitana e treno per l’aeroporto a completa disposizione per tutto il periodo di permanenza. Si ricorda che non sono compresi i bus-navetta dagli aeroporti di El Prat e di Girona.

La Barcellona Card permette inoltre l’ingresso gratuito, saltando la coda, a più di 20 musei e attrazioni, come il museo Picasso (con obbligo di prenotazione), il museo nazionale d’Arte della Catalogna (MNAC), la fondazione Joan Mirò, il museo d’arte Contemporanea (MACBA), il centro di cultura Contemporanea (CCCB), la fondazione Antoni Tàpies, il museo del Modernismo Catalano, il museo della Scienza CosmoCaixa, il giardino botanico, il museo della Cioccolata, quello della Musica, quello Egizio, quello Etnologico, quello del Disegno, tutte le sedi del museo d’historia de Barcelona (MUHBA) e molti altri ancora. Si segnala che sono esclusi dalla Barcelona Card la visita alla Sagrada Familia e al parc Güell.

Le offerte esclusive e gli sconti della Barcellona Card

Dai capolavori dell’architettura urbana rappresentati da casa Batllò, casa Milà – La Pedrera, casa Amatller, casa de les Punxes e casa Vicens, all’incanto multicolore della cripta Gaudì presso la Colònia Güell; dai parchi d’attrazioni Tibidabo e Portaventura alla teleferica del MontJuic, dall’acquario e zoo di Barcellona al palau de la Musica e al palau Güell; dal museo delle Cere al tour guidato del quartiere Gotico (prenotazione obbligatoria). Gli sconti variano dal 10 al 50% a seconda delle attrazioni. Inoltre è possibile usufruire sempre a prezzi scontati di alcune interessanti esperienze turistiche che permetteranno ai visitatori di assistere a piacevoli spettacoli di Flamenco e di musica classica.

Barcellona Card: la città a portata di mano

Sulla sua convenienza non ci sono dubbi. Facendo un rapidissimo calcolo mentale sul costo dei mezzi pubblici e sul prezzo dei biglietti di ingresso ai musei e alle altre attrazioni turistiche, la Barcellona Card permette di risparmiare una considerevole somma di denaro, che i viaggiatori a quel punto possono decidere come meglio utilizzare, o conservare, durante il loro soggiorno in città.

Barcellona Card: la Sagrada Familia

Dopo aver valutato attentamente la durata della propria Barcellona Card, la città si apre ai viaggiatori in tutta la sua bellezza e maestosità proprio a partire dalle guglie visionarie della Sagrada Familia, il monumento simbolo di Barcellona. Tuttora in fase di compimento, come per le chiese erette per tutto il Medioevo e oltre, il capolavoro progettato da Antoni Gaudì, che ci lavorò incessantemente dal 1883 al 1926, anno della sua morte, è un mirabolante esempio di architettura, dove le suggestive decorazioni esterne, a tratti inquietanti e liriche, custodiscono un interno dove la luce che penetra dalle lunghe vetrate crea armoniosi giochi di luce multicolore.

Barcellona Card: dalla Rambla al Barrio Gotico

La moderna spiritualità che ammanta la Sagrada Familia si trasforma poi nel vortice umano che brulica giorno e notte lungo la Rambla, la via più famosa della città, che si snoda per oltre un chilometro da plaza Catalunya fino al mare, tra artisti di strada, tapas bar e bancarelle di souvenir. Qui si affacciano alcune delle più interessanti attrazioni di Barcellona, come il museo delle Cere, il cui ingresso è gratuito con la Barcellona Card, il teatro Liceu e il pittoresco mercato de La Bouqueria, dove è d’obbligo una sosta per gustare eccellenti tapas, magari realizzate con il pesce freschissimo proveniente dai banchi del mercato.

Lungo le vie laterali della Rambla si respira tutto il fascino di questa città cosmopolita e dei suoi antichi quartieri, primo fra tutti il barrio Gotico, un dedalo di stradine tortuose che di notte si accendono con le luci degli innumerevoli locali nascosti qui e là e delle tradizionali cave. Il barrio è infine dominato dalla Cattedrale, un magnifico esempio di gotico catalano, e poco distante sorgono anche le due basiliche di Santa Maria del Mar e quella del Pi (del pino).

Barcellona Card: l’Eixample, il MontJuic e la Barceloneta

Al di sopra dei quartieri storici di Barcellona, la cosiddetta Ciutat Vella (Barrio Gotico, El Raval e la Ribera), si distende verso nord est un grandioso quartiere, l’Eixample, che dall’alto ricorda una scacchiera. Qui, sulla famosa via chiamata Passeig de Gracia, tra boutique di lusso, e ristoranti alla moda si trovano le celebri architetture urbane di Gaudì: casa Milà e casa Batllò. In questo quartiere sorgono inoltre la Sagrada Familia e casa Amatller. Per ammirare la città dall’alto, invece, si consiglia invece di prendere la funivia (compresa nella Barcellona Card) che parte dal porto e arriva sulla collina del Montjuic, dove è possibile visitare l’omonimo castello, il museo Nazionale d’Arte della Catalogna e la Font Magica: una scenografica e immensa fontana dove l’acqua si colora e danza a ritmo di musica e i cui bagliori sono visibili anche di notte dalla città.

Scendendo verso il mare, al termine della Rambla, si distende infine il moderno lungomare cittadino, alla cui estremità, opposta al MontJuic, si trova il suggestivo quartiere della Barceloneta, un tempo antico borgo di pescatori dai vicoli strettissimi, dove oggi come allora, tra locali e ristoranti di pesce, s’incunea possente la brezza marina che sale dall’antistante, e rinomata, spiaggia.

Arrivare al parc Güell con la Barcellona Card

Una delle attrazioni più visitate di Barcellona è senza dubbio il parc Güell, nel quartiere de La Salut, il capolavoro che Gaudì all’inizio del Novecento ha lasciato in dono alla sua città e che rappresenta un mirabile esempio di parco cittadino, tra i più iconici al mondo. Nel punto più alto del parco, con le sue costruzioni dalle strane forme e costellate di ceramiche multicolori, è inserita un’enorme terrazza panoramica, la plaza de la Naturaleza, bordata da un’enorme panchina a forma di serpente marino, dalla quale si gode di un’impareggiabile vista della città di Barcellona fino all’azzurro del mare. All’interno del parco si trova inoltre la casa museo Gaudì, che ospitò l’artista e la sua famiglia dal 1906 al 1926. In origine doveva essere il giardino privato di alcune ville, che però non furono mai costruite eccetto quella dimostrativa che, rimasta poi invenduta, fu acquistata dallo stesso Gaudì.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Barcellona Card: il modo migliore per scoprire Barcellona