Soleschiano di Manzano, il primo borgo vegano d’Italia

È stato inaugurato il primo borgo vegano d'Italia a Soleschiano di Manzano, in Friuli, tra la natura e gli animali salvati dal macello

A Soleschiano di Manzano, nel Friuli Venezia Giulia, è stato inaugurato proprio il giorno di Pasquetta il primo borgo vegano e a rifiuti zero d’Italia.

L’idea delle promotrici, le sorelle Isabella e Tiziana Pers del progetto artistico RAVE Residency, è quella di cambiare la realtà del borgo storico della provincia di Udine unendo le attività produttive e quelle creative presenti nel territorio, per creare uno stile di vita più biocentrico. L’obiettivo è ripristinare l’equilibrio virtuoso tra uomo e natura, soprattutto in relazione all’urgenza climatica di cui tanto si parla in questi mesi.

Nella descrizione dell’evento postata da Zero Waste FVG, si legge appunto: “La necessità di porre attenzione verso la vita in ogni sua forma e di ricercare un nuovo equilibrio uomo-natura è il punto cardine che l’umanità deve affrontare in questa era storica e geologica per fermare il cambiamento climatico in atto. A 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci, il suo pensiero nei confronti del regno animale e l’estremo rispetto per il mondo naturale ritornano nella nascita di un borgo per ripensare gli attuali squilibri degli ecosistemi e per porre ogni vita al centro”.

borgo vegano

La giornata di apertura dell’evento, una sorta di Pasquetta alternativa, è stata ospitata dall’agriturismo vegetariano specializzato in cucina vegetale a base di erbe spontanee del luogo (Al Rôl Agriturismo Vegetariano ai Conti Di Maniago) dove si sono svolti durante tutta la giornata incontri, presentazioni, degustazioni e laboratori per bambini e non tra alberi secolari e antichi cascinali.

Il cuore dell’iniziativa rimane però il progetto Rave, che propone una sorta di baratto agli allevatori che – in cambio di un dipinto o di un’opera d’arte -cedono gli animali destinati al macello, salvati e riportati alla vita all’aria aperta.

borgo vegano friuli

Soleschiano, in Friuli, per conformazione urbanistica è un borgo circondato dai campi e dalla vegetazione circostante, con piccoli fiumi e una natura rigogliosa, perfetto per ospitare gli animali salvati. In questo modo si presenta come un’oasi dedicata a ripristinare il contatto tra l’uomo e la natura.

Dalla scorsa Pasquetta il borgo è veg friendly non solo a livello culinario ma anche grazie a diverse iniziative, tra cui concerti e passeggiate sensoriali, che avranno come filo conduttore il rispetto per la natura e per gli animali.

Soleschiano di Manzano, il primo borgo vegano d’Italia