Sirolo, buen retiro nel Conero

Non è pieds dans l'eau, ma è di una bellezza che affascina

Non è comodamente adagiata sul mare, come tante altre località della costa adriatica. Non è pieds dans l’eau. Ma è di una bellezza che affascina, soprattutto gli intenditori. Dall’alto dei suoi 125 metri a picco sul mare, Sirolo (An) – nella Riviera del Conero (Marche)- ha una posizione pittoresca, che vanta una fantastica vista sia della costa meridionale del Conero, sia del suggestivo paesaggio collinare marchigiano.

L’attuale borgo conserva un fascino antico legato alle sue origini di castello fortificato di cui l’abitato porta ancora oggi le tracce, conservando una struttura urbanistica d’impianto medievale e una bella cortina muraria. Ma il mare, quello è tutta un’altra storia: chi vuole raggiungere le spiagge di Sirolo, piccole e incantevoli, deve darsi da fare. Deve mettersi in cammino, o su un bus o su una barca. La vita comoda non fa per chi sceglie Sirolo per le vacanze. La passeggiata è piacevole: si attraversa un bel bosco, prima di mettere i piedi sulle spiagge di ghiaia e sassi. L’alternativa è un servizio di bus navetta che dal centro di Sirolo conduce al mare.

Sono spiagge dove la natura domina incontrastata, quelle di Sirolo, dove gli stabilimenti balneari sono l’eccezione e la quiete regna sovrana. Tra le più belle baie, ricordiamo a nord la Spiaggia dei Gabbiani, poi la Grotta degli Schiavi; di qui si arriva ai due faraglioni più conosciuti nella Riviera del Conero: la bellissima spiaggia delle Due Sorelle, raggiungibile dal mare o da sentieri. Si tratta della spiaggia più celebre di Sirolo. Selvaggia e incontaminata, è famosa soprattutto per i suoi bianchi scogli assurti a simbolo della località. Qui il mare è limpido, calmo, con fondali digradanti: l’iedale per gli amanti delle immersioni subacquee.

Dopo il puntone minore delle Due Sorelle, inizia Il Pontile, un molo che serviva per l’attracco delle imbarcazioni, da qui inizia un tratto di costa chiamato Sassi Neri, un lungo arenile di renella scura (da qui il nome) lambito da un mare dalle acque di un blu intensissimo. Gli amanti della natura allo stato puro vanno matti per questo posto, un ambiente libero e incontaminato, privo di servizi e fronzoli. E’ il luogo ideale per chi voglia godere delle gioie del mare e della natura in completa tranquillità. Si raggiunge passando a piedi dal Parco della Repubblica di Sirolo oppure in bus dal Municipio di Sirolo (nei mesi estivi).

La costa prosegue con la spiaggia San Michele, a tratti libera, a tratti attrezzata con stabilimenti balneari. S.Michele è una lunga distesa di sabbia e ghiaia bianca sovrastata da spettacolari cascate di falesia e macchia mediterranea. Qui si danno appuntamento i surfisti quando soffia il maestrale.

Dopo una rupe, lì accanto, inizia la Spiaggia Urbani, una deliziosa spiaggia a forma di mezzaluna, di ghiaia fine. Inizia a sud con la scogliera naturale della Grotta Urbani. Nell’arenile non mancano stabilimenti balneari e ristoranti.

E la sera? Niente di più magico che andare a zonzo per i vicoli di Sirolo. Percorribili solo a piedi, conservano ancora oggi l’antica atmosfera tipica di un borgo medievale, tra angoli e scorci di grande impatto. Non aspettatevi la movida tipica di altre località della costa, ma le piazze e le vie a loro modo si animano con caffè all’aperto, ristorantini, botteghe e mercatini che sanno come coccolare chi la viene a scoprire.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Sirolo, buen retiro nel Conero