Cosa vedere a Follina, borgo amato da Robbie Williams

L'antica storia di Follina attira anche turisti vip. Robbie Williams vi ha infatti trascorso due giorni presso la Villa Abbazia

Viaggio nel passato attraverso le stradine di Follina, tra i borghi più belli d’Italia, che ha ammaliato anche la popstar Robbie Williams.

Robbie Williams appartiene all’ampio club di star mondiali che adorano l’Italia. Lo dimostra il fatto che abbia scelto di trascorrere due notti a Follina, che rientra nella lista dei Borghi più belli d’Italia. Il cantante ha soggiornato presso l’hotel Villa Abbazia, sito nel centro storico del paese.

Robbie Williams

Fonte Foto: Getty Images

Come spesso accade in casi del genere, la struttura è stata interamente prenotata dallo staff della star, che ha voluto essere l’unico residente, evitando di trasformare la breve permanenza in una costante sessione d’autografi. Di certo non ha fatto in modo di passare inosservato, considerando il gran numero di persone al suo seguito. Circa una trentina di persone tra guardie del corpo, massaggiatori, staff medico, fisioterapisti e amici vari.

Il motivo del suo arrivo in Italia è lavorativo. Williams ha infatti tenuto uno show privato per i dipendenti di Luxottica. Avrà però avuto modo di poter godere in parte delle bellezze di Follina, in provincia di Treviso, che conta appena 4000 abitanti e, non essendo particolarmente conosciuto, rappresenta il luogo ideale per chi voglia rilassarsi, apprezzando le bellezze naturali, senza dover sopportare le grandi masse di turisti.

Antichi edifici e costruzioni in ogni dove, per un borgo che vive di storia. Gli odierni abitanti si muovono tra le strade che hanno caratterizzato le vite dei propri avi, in un cerchio infinito. Le radici del borgo sono ben radicate e giungono fino all’epoca preistorica, considerando alcuni reperti ritrovati che risalgono a 120.000 anni fa. Altri elementi sono stati identificati come parte della storica Strada Augusta, in epoca romana.

Tanti i luoghi da visitare, con i monaci Cistercensi che nel XII secolo realizzarono l’Abbazia di Santa Maria. Struttura da valore storico immane, sopravvissuta al trascorrere dei secoli e giunta fino a noi. Un capolavoro architettonico, costruito a forma di croce latina. Proprio i monaci introdussero l’arte laniera nel borgo, a partire dal 1860, che ha portato Follina a realizzare anche tessiture pregiate, imitando i prodotti olandesi e inglesi. Al di là dei singoli luoghi turistici, si consiglia però di “perdersi” tra le strade del paesino, lasciandosi cullare dalle bellezze eterne della sua architettura.

Follina

Fonte Foto: iStock

Cosa vedere a Follina, borgo amato da Robbie Williams