Caprino Bergamasco, il borgo del reality “Il Collegio”

Noto ai più per il reality di Rai Due, questo affascinante borgo tra Lecco e Bergamo ospita alcune interessanti attrattive

Anche per l’edizione 2019, “Il Collegio” ha scelto come ambientazione lo storico Collegio Celana di Caprino Bergamasco.

E quale location poteva essere migliore, per questo reality (in onda su Rai Due) i cui protagonisti sono adolescenti chiamati a stare a scuola alla maniera antica, a richiamare i tempi in cui l’educazione era rigida e severa? Il Collegio Celana, fondato nel 1566, è la scuola cattolica più antica d’Italia, voluta da Carlo Borromeo e con alunni celebri come Angelo Roncalli, che tutti conoscono come Papa Giovanni XXIII. O meglio, lo è stata fino al 2013, quando ha chiuso i battenti. E, con lei, la sua storia. Quella di un collegio che ospitava 700 posti letto, refettori, impianti sportivi, un teatro, un museo zoologico, stalle, orti. E persino opere d’arte realizzate da Lorenzo Lotto.

Caprino Bergamasco, il borgo del reality "Il Collegio"

Il Collegio Celana | Fonte: Wikimedia Commons

Poi, è arrivato “Il Collegio” a riaccendere qui i riflettori. Ma dov’è, esattamente, il Collegio Celana? Il borgo di Caprino Bergamasco si trova a una ventina di chilometri da Bergamo, nella Valle San Martino, tra l’isola bergamasca e il lago di Lecco. È un paesino piccolo, ma storicamente interessante. Tra i luoghi che meritano una visita troviamo la chiesa di San Biagio, costruita nel XVIII secolo su modello della chiesa di San Fedele a Milano, la parrocchiale di Celana con una pala di Lorenzo Lotto e – lungo la via principale del centro storico – diversi palazzi nobiliari (su tutti, il Palazzo Sozzi – datato 1700 – e la torre del 1260). Infine, il Museo di Scienze Naturali Don Bernardino Gavazzeni.

Caprino Bergamasco

La Parrocchiale di Caprino Bergamasco | Fonte: Wikimedia Commons

Allontanandosi un po’ da Caprino Bergamasco, è poi possibile visitare la casa natale di Papa Giovanni XXIII e la Rettoria di Sant’Egidio in Fontanella (a Sotto il Monte Giovanni XXIII), ma anche luoghi d’interesse naturalistico come  il lago di Sartirana, o come il Traghetto di Leonardo, particolare tipo di traghetto a mano che pare sia stato progettato proprio da Leonardo da Vinci. Unico esemplare ad oggi funzionante, unisce i moli di Imbersago (in provincia di Lecco) e di Villa d’Adda (in provincia di Bergamo), all’interno dell’Ecomuseo Adda di Leonardo da Vinci.

Traghetto di Leonardo

Il Traghetto di Leonardo di Imbersago | Fonte: Wikimedia Commons

 

Caprino Bergamasco, il borgo del reality “Il Collegio&#8221...