Vivere in Sardegna protegge dalla depressione

Vivere in Sardegna per combattere la depressione: i risultati di uno studio

Chi vive in Sardegna è più felice e soffre meno di depressione rispetto a chi abita in Lombardia. Lo ha svelato uno studio condotto dagli italiani Maria Chiara Fastame e Maria Pietronilla Penna, dell’Università di Cagliari, con Paul Hitchcott, della Southampton Solent University.
Secondo le conclusioni degli studiosi gli anziani che abitano in Sardegna godono di una migliore salute psicologica e sono meno soggetti a depressione rispetto ai coetanei che vivono in Lombardia.
Lo studio è stato condotto su 191 residenti a Sassari, nell’Ogliastra, nella Barbagia, e in zone rurali della Lombardia, di età compresa tra i 60 e i 99 anni.

Nella ricerca, che ha valutato il benessere psicologico e le capacità mentali del campione, è emerso che lo stile di vita sardo è nettamente più salutare rispetto a quello lombardo dal punto di vista psicologico.

In particolare, gli abitanti della regione sarda dell’Ogliastra si mantengono fisicamente attivi fino a un’età avanzata e si sentono più considerati, sostenuti e rispettati dalle giovani generazioni rispetto al resto degli individui esaminati. Chi vive a Sassari gode invece di un maggiore benessere fisico e psicologico e ha più possibilità di essere coinvolti in attività sociali, ricreative e culturali.

La conseguenza è un maggior livello di soddisfazione personale e una minore incidenza di depressione rispetto agli anziani che vivono nelle zone rurali lombarde.

C’è un modo comodo e vantaggioso per raggiungere la Sardegna: 10 rotte, fino a 28 viaggi al giorno, una vasta scelta di orari e porti e in alta stagione la possibilità di viaggiare sia in notturna che in diurna. A garantire tutto questo sono gli specialisti della Sardegna: Moby e Tirrenia, il più grande network di collegamenti per l’isola con ben 5.600 partenze all’anno
Vivere in Sardegna protegge dalla depressione