Il trenino dei castelli del Trentino, le tappe più pittoresche

Quattro le tappe nei castelli più affascinanti e ricchi di storia della regione

 

Scoprire i castelli più suggestivi delle Val di Non e della Val di Sole, assaporando il territorio a bordo di un treno, come facevano i viaggiatori di una volta. Un tour che permette di immergersi in luoghi e vicende che costituiscono pagine importanti nell’arte e nella storia del Trentino.

Un mondo che, ogni sabato dal 15 aprile al 10 giugno e dal 29 luglio al 16 settembre 2017, può essere esplorato grazie al Trenino dei Castelli. A bordo di un treno della Ferrovia Trento-Malè, con carrozze dedicate, si parte alle 8.45 da Trento per risalire i pendii delle valli del Noce (rientro previsto per le 19.15) Quattro i castelli trentini da vedere.

Dopo una visita al Castello San Michele di Ossana, al cospetto della Presanella, si scende in pullman a Castel Caldes, che da secoli controlla l’accesso alla Val di Sole. La giornata prosegue a Castel Valer, un’elegante residenza privata riconoscibile dall’altissima torre poligonale, e a Castel Thun, con le sue atmosfere raffinate.

Castello di Ossana
Sorge su uno sperone di roccia in posizione strategica nell’omonimo borgo ed è conosciuto anche come Castello di San Michele, dal nome del Santo a cui è dedicata la cappella. Risale all’epoca dei Longobardi. Il castello ha nel suo possente mastio, alto 25 metri, l’elemento più caratteristico e meglio conservato.

Castel Caldes
L’interno di questo castello è molto bello, con sale affrescate e il salone da ballo. Secondo la leggenda nella torre era prigioniera la sfortunata contessina Marianna Elisabetta Thun, conosciuta anche con il nome di Olinda, reclusa dal padre per impedire il matrimonio con Arunte, menestrello di corte, per il quale morì d’amore.

Castel Valer
Solitamente è chiuso al pubblico, ma lo si può visitare per quest’occasione grazie alla disponibilità del proprietario. Il castello è in una posizione panoramica e ha una splendida torre ottagonale alta 40 metri, la più elevata del Trentino. Le diverse cinte murarie racchiudono due serie di edifici: la più antica, del XIV secolo, è detta Castel di Sotto, mentre la seconda, del XVI secolo, Castel di Sopra.

Castel Thun
E’ forse il più famoso dei quattro castelli trentini. Situato a Vigo di Ton, fu costruito nel XIII secolo e fu la sede della potente famiglia dei Thun, proprietaria di altre prestigiose residenze nelle valli di Non e di Sole. La struttura è tipicamente gotica ed è circondata da un sistema di fortificazioni formato da torri, fossati e cammini di ronde. Gli interni sono ancora riccamente arredati e impreziositi da opere d’arte: la più interessante è la stanza del Vescovo, interamente rivestita di legno di cirmolo, con il soffitto a cassettoni e una porta monumentale.

Tutti e quattro i castelli sono stati coinvolti da importanti restauri e ora sono pronti a svelarsi al pubblico in tutto il loro splendore. La prenotazione del viaggio è obbligatoria.

Il Trenino dei Castelli quest’anno strizza l’occhio anche ai più piccoli che, per tre domeniche (4 giugno, 30 luglio e 20 agosto), potranno beneficiare di tariffe agevolate e di alcune iniziative speciali, proposte nei singoli manieri: laboratori, racconti animati e una caccia al tesoro che coinvolgerà tutta la famiglia.

Prezzi: biglietto intero 62 euro: per i possessori di Trentino Guest Card 56 euro; minori di 16 anni 52 euro; bambini 0-4 anni gratis; Speciale Famiglia, bambini 4-12 anni 10 euro.

Il trenino dei castelli del Trentino, le tappe più pittoresche