In vacanza con il gatto: tutto quello che c’è da sapere

I consigli per organizzare una vacanza ideale con il gatto, portando con sé tutto il necessario per farlo sentire a suo agio

Avete prenotato la vostra vacanza con il gatto e adesso è il momento di preparare la valigia? Bene, per non dimenticare nulla fate una sorta di promemoria, in modo da portare tutto ciò che vi può servire e organizzate tutto con calma, per non farvi sfuggire nessun dettaglio.

Se a prima vista la vacanza con il gatto può sembrare uno stress, in realtà può diventare un’esperienza piacevole, basta rispettare le sue esigenze e portare tutto ciò che può essere utile a farlo sentire a suo agio. Seguite queste semplici regole per progettare la vostra vacanza e vedrete che andrà tutto a meraviglia!

In vacanza con il gatto: visita dal veterinario e documenti se necessari

La salute del vostro micio ha la priorità assoluta e per partire tranquilli è bene farlo visitare dal veterinario di fiducia, che potrà verificare il suo stato. Inoltre, informatevi se la meta di vacanza prevede vaccinazioni speciali e non dimenticate di portare in valigia il passaporto e i documenti necessari, soprattutto se dovete andare all’estero. Importantissimo per riconoscerlo in caso di smarrimento è il collarino con il recapito della località dove andrete a villeggiare, una precauzione in caso dovesse accadere qualcosa. Per far sentire il gatto a casa e rendergli familiare la nuova località, mettete in valigia anche alcuni dei suoi oggetti preferiti, come ad esempio un cuscino o una coperta su cui ama sdraiarsi, o un gioco particolare che gradisce più degli altri e con cui potrà divertirsi quando ne avrà voglia.

In vacanza con il gatto: ciotole e scorta di cibo

Molti gatti non mangiano se non riconoscono le ciotole che sono abituati a vedere tutti i giorni. Per evitare che possano soffrire per nostalgia e magari rifiutare il cibo, portate in valigia anche le scodelle che sono a loro familiari e non dimenticate anche di mettere una buona scorta del suo cibo preferito. Meglio essere previdenti nel caso non dovesse piacergli qualche altra marca comprata in un pet shop e corra il rischio di rimanere digiuno!

In vacanza con il gatto: tutto quello che c’è da sapere