Turismo rurale: il Perù è la destinazione da non perdere

Culla della civiltà Inca, il Perù è una meta sempre più ambita dai visitatori di tutto il mondo grazie all'esplosione del turismo rurale

Con i suoi paesaggi spettacolari e le preziose testimonianze della civiltà Inca, il Perù è da sempre una delle mete più affascinanti del mondo. Oggi, ad attrarre i turisti, oltre alla sconfinata Foresta Amazzonica e ai panorami che spaziano dalle terre desertiche che costeggiano l’Oceano Pacifico alle imponenti cime della Cordigliera delle Ande, c’è anche la possibilità di sperimentare il turismo rurale.

Tra escursioni in luoghi incontaminati e vita nei villaggi pittoreschi, questa nuova offerta turistica consente di scoprire in modo diverso, autentico e personalizzato la mentalità della gente del posto, nonché l’ambiente unico delle zone rurali. Si ha così la possibilità di entrare in contatto con le popolazioni autoctone, apprendendo da vicino stili di vita e tradizioni delle comunità locali.

Tra le località in cui vivere l’esperienza del turismo rurale c’è il Parco delle patate della Valle Sacra, situato nella piccola località di Pisac. Qui, sei comunità di etnia Quechua condividono ottomila metri di terra, offrendo ai turisti la possibilità di partecipare alle attività agricole quotidiane, di visitare il Centro per la produzione di patate, e di imparare a realizzare saponi a base di erbe.
A circa 23 chilometri da Cajamarca, si trova invece la cooperativa evangelica di Granja Porcón, fondata nel 1975, dove i turisti possono aiutare i locali ad occuparsi del bestiame, piantare alberi e coltivare la terra.

Per chi ama le orchidee, il posto ideale è la foresta situata nei pressi di Cocachimba e San Pablo, nel nord del Perù, popolata da orchidee, con splendidi vedute della foresta pluviale. Qui, dal 2006, la comunità rurale permette ai visitatori di aiutare nei lavori agricoli, partecipando alla raccolta dell’ananas e alla lavorazione della canna da zucchero. Per imparare le tecniche dell’apicoltura bisogna invece recarsi a San Pablo.
Nella regione di Áncash, si può percorrere il percorso dei pellegrini preincaici, facendo trekking con i lama. Il sentiero termina al tempio di Chavín de Huantar, patrimonio dell’umanità UNESCO.

Se invece volete vivere un’esperienza in un villaggio rurale antico, la destinazione giusta è Sibayo. Situato nella regione di Arequipa a quasi 3900 metri sul livello del mare, offre ai turisti la possibilità di alloggiare presso alcue famiglie nelle caratteristiche casette di “adobe”, realizzate con impasti di argilla, sabbia e paglia essiccata al sole. Qui si possono praticare diversi sport tra cui il canottaggio e le escursioni in mountain bike.

Turismo rurale: il Perù è la destinazione da non perdere