Turisti: le 10 truffe più comuni

Dalla truffa del locale a quella della multiproprietà, passando per i tassametri truccati. Ecco le 10 truffe più comuni di cui sono vittime i turisti

I turisti sono le vittime preferite dei truffatori. Alcune volte basta fare attenzione, altre invece  bisogna essere a conoscenza dei trucchi che questi abili delinquenti adoperano. Per venire incontro alle esigenze dei turisti Peter John, autore di ‘Around the World in 80 Scams’, ha svelato 10 tra le più comuni truffe in cui incappano i viaggiatori mentre sono all’estero.
Ci sono ad esempio i bagarini che "obbligano" i turisti ad alloggiare negli hotel da loro sponsorizzato, i tassisti che manomettono o addirittura rompono il tassametro, o ancora le rapine notturne al bancomat. In questo caso bisogna fare molta attenzione soprattutto nei paesi dell’America latina. Tra le truffe più comuni c’è anche la vendita di oggetti contraffatti o la truffa del locale che impone agli ignari clienti di pagare conti salatissimi. Negli internet point, talvolta i proprietari installano spyware sui pc per rubare i dati. Attenti anche agli elemosinati, può capitare che in realtà siano dei rapinatori. Tra le truffe più comuni c’è anche il falso controllo dei documenti da parte di finti poliziotti o anche quella del cambiavalute che cerca di rifilare agli ignari turisti banconote in disuso. Infine una delle più famose truffe è quella della multiproprietà, in questo caso bisogna fare molta attenzione alle offerte troppo vantaggiose che spesso si rivelano essere specchietti per le allodole.

 

Turisti: le 10 truffe più comuni