Trenitalia: d’ora in poi anche nel Regno Unito

Trenitalia segna la prima tappa per stabilire nel lungo termine un’importante presenza nel mercato ferroviario del Regno Unito

Trenitalia si espande nel Regno Unito. Trenitalia UK, la controllata del gruppo tricolore che gestisce le attività nel Paese, ha infatti acquisito per circa 80 milioni di euro National Express Essex Thameside (Next), la società che gestisce il serivizio C2C.

From City to coast, dalla città alla costa. Questo significa la sigla C2C, la linea ferroviaria che collega Londra alla regione orientale dell’Essex (fino alla cittadina di Shoeburyness), e che diventa da oggi parte della rete internazionale di Trenitalia.

Il Dipartimento dei trasporti britannico ha infatti formalizzato la chiusura ufficiale dell’operazione già annunciata all’inizio dell’anno. La linea è usata ogni anno da 42 milioni di persone, soprattutto pendolari che si spostano dalla periferia Est della città verso il centro di Londra e viceversa.

Trenitalia, valorizzando i punti di forza di c2c, ha l’obiettivo di diventare uno degli operatori ferroviari più puntuali e popolari del Regno Unito. Il franchise beneficerà delle tecnologie innovative di Trenitalia, come gli evoluti sistemi di biglietteria, per fornire ai clienti c2c un servizio di alta qualità.

Questa acquisizione segna la prima tappa del piano di Trenitalia per stabilire nel lungo termine un’importante presenza nel mercato ferroviario del Regno Unito. Il gruppo infatti intende proseguire i piani di espansione in terra inglese. Lo scorso 24 gennaio Trenitalia ha annunciato la sua partecipazione, in joint venture con FirstGroup, alle gare per il franchising ferroviario delle East Midlands e della West Coast, che saranno assegnate a partire dal 2018.

Sempre a metà gennaio Trenitalia ha firmato l’accordo per l’acquisto per 45 milioni di euro di Trainose, l’operatore ellenico che gestisce la linea ferroviaria tra Atene e Salonicco. Operazione ora in attesa del via libero europeo, perché legata alla privatizzazione delle partecipazioni pubbliche greche.

Trenitalia: d’ora in poi anche nel Regno Unito