Strada del vino in Alto Adige: gli appuntamenti di ottobre 2016

Itinerari del vino: viaggio alla scoperta delle strade del vino che si snodano in mezzo alla natura incontaminata del Trentino Alto Adige, tra laghi e zone boschive

Scopriamo insieme gli itinerari del vino del Trentino Alto Adige, una regione ricca di storia, bellezze artistiche e naturali inestimabili, tra castelli, vigneti e gustosi piatti della tradizione gastronomica di questa regione del nord Italia. Il periodo della vendemmia è quello più adatto per inoltrarsi in questi percorsi enogastronomici del RìTrentino, sia per visitare le cantine più importanti, che per assaggiare alcuni dei vini migliori mai prodotti in Italia, come il Traminer e il Trento Doc Riserva, oltre a piatti deliziosi. Infatti sono gli amanti della buona cucina che maggiormente si recano in Trentino Alto Adige in questo periodo dell’anno. Osservare e fotografare i vigneti all’alba o al tramonto, in una cornice fatta di laghi, boschi e montagne sarà per voi un’esperienza indimenticabile. Si ricorda che in questa regione, oltre alla strada del vino, ci sono quella delle mele, quella dei sapori del Val di Non e quella dei formaggi delle Dolomiti. L’eccellenza enologica locale è rappresentata da vini quali il Trentodoc, il Muller Thurgau, il Vino Santo, il Marzemino, il Teroldego, il Rotaliano e infine la Grappa.

Vini che possono accompagnare i piatti tipici del trentino Alto Adige, come la polenta con i funghi porcini, i canederli, i pesci di lago e i formaggi di montagna. Tra gli altri vini ricordiamo lo Chardonnay, un vino bianco frizzantino ideale per essere servito con sfiziosi stuzzichini all’ora dell’aperitivo, con antipasti appetitosi, con primi piatti leggeri e e secondi di pesce. I vigneti sono stati coltivati da sempre su terrazzamenti ricavati sull pendici dell colline che si trovano ai piedi della catena montuosa delle Alpi. I veri protagonisti della Strada del Vino e dei Saporti del Trentino sono proprio i produttori, che vi racconteranno la storia e le tradizioni a cui sono legati i prodotti locali più apprezzati su tutto il territorio nazionale. Inoltre durante questo percorso potrete anche assagiare alcune fantastiche birre artigianali prodotte in loco, oltre a deliziosi vini e salumi casalinghi. Le strade del vino in Trentino sono principalmente sette, vediamole nel dettaglio.

La Strada del Vino della Valagarina, quella del lago di Garda e delle Dolomiti del Brenta, la Val di Non e la Val Sole, quella delle Colline Avisiane, della Piana Rotagliana, Trento e della Valsugana, dove viene prodotta la celebre polenta, ideale accompagnamento dei piatti di montagna, come i funghi, lo spezzatino di cervo e tantissime altre specialità tipiche del trentino. La Valgarina occupa la parte meridionale dell’Alto Adige e vi vengono prodotti vini come il Marzemino, accompagnato spesso con carne equina, formaggi del Monte Baldo, gli ortaggi della Val di Gresta e i marroni di Castione. Presso il Castello di Malcesine, sul lago di Garda , viene organizzata una serata dedicata al Trentodoc, con tanti intrattenimenti musicali, stad gastronomici e naturalmente tanto buon vino. Il 14 di settembre dalle ore 19.30 fino a mezzanotte passata, la splendida rocca scaligerà farà da cornice a un evento molto interessante, sia dal punto di vista culturale che enogastronomico. Il menù ideale da abbinare al vino Trentodoc sarà caratterizzato da cavedano, trota e sarde preparate nei mod più svariati. La degustazione del vino sarà accompagnata da sommelier professionali che illustreranno anche la storia e descriveranno i vigneti. Un modo perfetto per iniziare il percorso sulla Strada del Vino e dei Sapori del Trentino Alto Adige.

Decidere di trascorrere un weekend o un soggiorno alla scoperta degli itinerari del vino in Trentino, può essere l’occasione perfetta anche per visitare le principali attrattive turistiche di questa regione, molto ricca dal punto di vista culturale e artistico. A poca distanza dal centro del capoluogo, Trento, consigliamo di visitare il Castello del Buonconsiglio, uno degli edific simbolo della città. Risale al XIII secolo ed è stato realizzato in stile gotico e rinascimentale. Da non perdere una tappa al Museo Archeologico dell’Alto Adige dove è possibile ammirare l’uomo del Similaun, ovvero la mummia di Otzi, risalente al 3300 a.C., un momento di transizione tra l’Età del Ferro e del Neolitico. Chi ama la natura potrà organizzare escursioni a piedi, in bici o a cavallo tra i sentieri delle Dolomiti, i boschi e i laghi del Trentino. Luoghi perfetti per organizzare pic nic e gite fuori porta con la famiglia, tra la visita di una cantina e una degustazone dei vini sulle strade del vino della regione. Tra i laghi più caratteristici dove passeggiare in una nautura incontaminata segnaliano quello di Carezza e quello di Ledro, entrambi caratterizzati da uno splendido paesaggio di montagna, quasi da cartolina. In Trentino, vicino agli itinerari del vino, ci sono tantissimi parchi naturali da visitare, come quello di Puez.Odle. Da non perdere una tappa alla cattedrale di San Vigilio, ovvwro il Duomo di Trento, u magnifico edificio del 1321 realizzato in stile romanico.

Strada del vino in Alto Adige: gli appuntamenti di ottobre 2016