La primavera di Amsterdam tra feste ed eventi

Celebrazioni per i 400 anni dei canali, per l'ultima festa della Regina, per i giardini in fiore e per la riapertura del Museo Van Gogh

Il New York Times l’ha inserita nella lista delle città imperdibili del 2013. I motivi sono tanti. Quest’anno, infatti, ad Amsterdam sono attesi molti eventi e riaperture. A partire dalla festa che celebra l’anniversario dei 400 anni dei suoi famosi canali. Attesissisma è l’annuale festa dedicata alla Regina, una delle più folli d’Olanda. Inoltre, per i più intellettuali, riaprono alcuni dei musei più importanti, come il Van Gogh Museum e il Rijksmuseum. Infine, con l’arrivo della primavera, i giardini si riempiono di tulipani e di fiori dai mille colori.

Festa dei canali
I canali di Amsterdam sono un Patrimonio dell’Unesco e furono realizzati nel 1613. La zona più famosa è quella della cosiddetta Curva d’Oro che comprende i canali di Herengracht, Keizersgracht e Prinsengracht. L’anniversario per i loro 400 anni è un’occasione per conoscere loro e la loro storia, per scoprire gli edifici che vi si affacciano (sapete perché pendono in avanti? le case-museo del Canal District aprono le porte al pubblico) e per navigarli a bordo di un tipico battello.

Festa della regina
Ogni anno il 30 aprile si festeggia il Queen’s Day. La festa è tra le più famose d’Olanda e tutti quanti indossano qualcosa di arancione (il colore nazionale) in suo onore. Quest’anno, però, sarà completamente diverso perché sarà l’ultimo Queen’s Day della storia. Sua Maestà la Regina Beatrice, infatti, ha abdicato in favore del figlio. In questa giornata di festa, balli, musica e divertimento sfrenato – come solo gli olandesi sanno fare – si svolgerà la cerimonia d’investitura del nuovo Re, che dall’anno prossimo celebrerà quindi il King’s Day (26 aprile).

Un tripudio di tulipani
Il tulipano è il sinonimo dell’Olanda e Amsterdam, un po’ come tutte le città europee del Nord, porta con sé la cultura del verde. I parchi qui sono un’istituzione. In città se ne contano oltre 30, i più importanti dei quali sono Vondelpark, il più conosciuto e probabilmente il più affollato perché si trova in pieno centro; Amstelpark, che è a Sud lungo il fiume Amstel e fu inaugurato negli Anni ’70: sembra disegnato per trascorrere una domenica pomeriggio in famiglia; Westerpark è un piccolo parco con un laghetto al centro ed è attraversato dalla pista ciclabile. E’ un parco molto tipico. Chi ha voglia di una gita fuori città, poi, non può perdersi il parco più famoso dei Paesi Bassi, il Keukenhofil più grande parco di fiori del mondo e il più fotografato in assoluto. Si trova a circa 35 km da Amsterdam.

Riapre il Museo Van Gogh
Il primo maggio sarà riaperto il Museo Van Gogh, chiuso per ristrutturazione per alcuni mesi. La novità sarà un nuovo percorso museale, ma le opere del folle Vincent, per fortuna, restano sempre le stesse. Durante il periodo di chiusura i dipinti erano stati trasferiti all’Hermitage Amsterdam che, fino al 25 aprile, ospita una parte della collezione e altri capolavori, opere su carta e lettere dell’artista. Riapre anche il Rijksmuseum, il museo di arte fiamminga che, tra le 8mila opere esposte, ospita anche quelle di Rembrandt e Vermeer. E’ il primo museo a rimanere aperto 365 giorni l’anno.

Se volete trascorrere un weekend ad Amsterdam, controllate le offerte di voli low cost e prenotate un piccolo hotel o una caratteristica houseboat. Una volta arrivati in città, ci si muove benissimo con i mezzi pubblici (la Amsterdam City Card permette di usare tutti i mezzi gratuitamente e di ottenere sconti) o noleggiando una bicicletta.

La primavera di Amsterdam tra feste ed eventi