A Moncalieri il castello dei fantasmi

Il Castello de La Rotta in provincia di Torino è uno dei luoghi più infestati d'Italia

Leggende e racconti su fantasmi e luoghi infestati in Italia si sono alternati nei secoli, creando atmosfere da brivido in piccoli borghi come in grandi città. Da sempre. Ma c’è un posto che, in fatto di spettri, non ha paragoni. Ci troviamo a Moncalieri, nella provincia di Torino. Questo borgo risale al 1228 ed è stato fondato da un gruppo di abitanti di Testona, attuale frazione moncalierese, per sfuggire all’assalto dei chieresi. Il facile accesso al Po, nonché il controllo su di esso, contribuì notevolmente alla crescita del paese facendone, in breve tempo, uno dei maggiori punti strategici e difensivi della regione.

Ricca di storia e di monumenti, Moncalieri presenta un luogo turistico che non teme confronti in tutta Italia. O per lo meno per chi è affascinato dalle presenze di spiriti. Sul territorio sono presenti molti castelli, come Castelvecchio a Testona, del XV secolo e quello di Revigliasco, del XVIII secolo.

Ma soprattutto c’è il Castello de La Rotta, sempre nei pressi di Moncalieri, ritenuto il posto più infestato d’Italia. Costruito nel IV secolo, fu possedimento prima dei Longobardi e poi dei Cavalieri di Malta fino al 1500, quando divenne proprietà della famiglia dei Savoia. Fu infine trasformato in deposito di polvere da sparo nel 1706, durante l’assalto francese alla città di Torino. La rocca aveva il compito di difendere il ponte sul fiume Banna, l’unico passaggio della strada romana proveniente da Pollenzo. Fu teatro di molte battaglie, una delle quali gli avrebbe persino attribuito il nome di “Rotta”, sconfitta. Ma il nome potrebbe riferirsi anche a rotha, ovvero roggia, “luogo aperto”.

Oltre al tetro aspetto esterno, quello tipico dei castelli dei film di paura, le sue mura nascondono una grande quantità di foto di presunti spettri che si sono susseguiti nella difesa del castello negli ultimi secoli. E su di esso si alternano storie diverse, tutte accomunate dalla caduta dalla torre di una fanciulla triste e dalle vicende di un cavaliere templare valoroso. Ma ci sono anche il sacerdote murato vivo nel 1400, il ragazzino travolto da cavalli imbizzarriti, l’incriminato decapitato, il bambino che piange alla ricerca della sua nutrice, la donna suicida dal profumo di fiori. E si danno tutti appuntamento nella notte tra il 12 e il 13 Giugno: in questo periodo il turismo degli amanti dell’esoterismo si intensifica. Alla ricerca di presenze, rumori e olezzi che possano dar credito alla leggenda del castello più infestato d’Italia.

A Moncalieri il castello dei fantasmi