Nuove regole per entrare negli Stati Uniti

Dopo il passaporto elettronico, le impronte delle dieci dita e la fotografia digitale, dal 12 gennaio è obbligatoria anche la registrazione online

Dal 12 gennaio 2009, per poter entrare negli Stati Uniti, è obbligatoria una registrazione online almeno tre giorni prima di partire. E chi non ha praticità con Internet è tagliato fuori!

 

La pre-registrazione era già stata consigliata qualche mese fa a tutti coloro che prevedevano un viaggio negli USA, ma ora è diventata una delle procedure obbligatorie imposte dal governo americano in seguito ai tragici eventi dell’11 settembre.

 

La nuova procedura è stata criticata anche dagli stessi americani. Sono molti, infatti, negli USA a ritenere le norme per l’ingresso nel Paese eccessive e addirittura lesive dell’immagine degli Stati Uniti nel mondo.

 

Il programma, chiamato Homeland Security Plan, permette alle autorità di controllare per tempo i nominativi delle persone provenienti dai 27 Paesi ‘amici’, tra cui anche l’Italia.

 

Dopo inglesi (4,5 milioni l’anno), giapponesi, tedeschi, francesi e australiani, sono gli italiani i principali turisti negli USA (634.000 nel 2007 secondo il Commerce Department) e la nuova procedura ci riguarda direttamente.

 

Viaggiare verso gli Stati Uniti sta diventando un vero e proprio incubo. Persino le informazioni sulla validità del passaporto ottico o digitale che sia non sono chiarissime.

 

Nel dubbio, anche la Polizia di Stato consiglia di procurarsi un passaporto elettronico. E comunque, alla faccia della privacy, se non si lasciano le impronte delle dieci dita e non ci si fa scattare la foto dal doganiere si può anche dire addio agli Stati Uniti e vagare nell’aeroporto come Tom Hanks in The Terminal.

Nuove regole per entrare negli Stati Uniti