Il 18 giugno è la Notte Bianca del FAI

L'arrivo dell'estate viene celebrato in grande stile e i beni culturali di 5 città possono essere ammirati nella loro veste notturna

La prima Notte Bianca nella storia del FAI si svolge sabato 18 giugno 2016. Sarà una serata ottimale per gli appassionati di storia e cultura che potranno vivere e ammirare a lume di candela cinque dei beni culturali della Fondazione, dal tramonto fino alla mezzanotte.

A Caravino, Torino, si apriranno le porte del Castello e Parco di Masino, mentre a Manta, Cuneo, non potrà mancare una visita presso l’affascinante Castello della Manta. Le altre serate si svolgeranno a Luvigliano di Torreglia, a Tivoli, presso Villa dei Vescovi, nel Parco Villa Gregoriana, e infine a Oria Valsolda sarà aperta Villa Fogazzaro Roi, sulla sponda italiana del lago di Lugano.

A Caravino sarà possibile visitare il Castello e Parco di Masino, un luogo ricco di suggestione che, al suo interno, custodisce più di mille anni di storia. Nel corso della Notte Bianca organizzata dal FAI andranno in scena attori, ballerini e danzatrici che appariranno come strane creature oniriche nello splendido scenario del parco ottocentesco. Alle ore 21, il pubblico potrà apprezzare i giochi di luce del “Music and Light Labyrinth Experience”, mentre alle 23.30 inizierà̀ la performance musicale della compositrice Caterina Barbieri.

Sempre in Piemonte, nella cittadina di Manta, durante la Notte Bianca saranno aperte le porte di un altro castello di origine medievale. Stiamo parlando del Castello della Manta, il “Castello degli eroi”, dove verrà organizzato un percorso di visita guidato. I visitatori saranno accompagnati dalle guide FAI che si alterneranno con attori e attrici nella narrazione di alcuni spaccati di vita del castello. A Tivoli resterà aperto al pubblico il Parco Villa Gregoriana, immerso in un paesaggio dal fascino unico e incontaminato, dove tra boschi e cascate andrà in scena uno spettacolo musicale.

A Oria Valsolda, sul lago di Lugano, sorge la Villa Fogazzaro Roi che resterà aperta dalle 14 fino alla mezzanotte, per mostrare ai visitatori i ricordi di Antonio Fogazzaro, lo scrittore che in questa villa trovò l’ispirazione per scrivere “Piccolo mondo antico”. La Notte Bianca verrà chiusa da una performance lirica accompagnata da un gruppo di tenori.

L’ultimo appuntamento FAI è quello di Luvigliano di Torreglia, nella romanica Villa dei Vescovi, una delle più belle ville venete. Nel corso della giornata, la villa sarà teatro di numerose performance musicali della “Techno-jazz Upperground Orchestra” che con un sound tutto particolare riproporrà al pubblico alcune canzoni tratte dal Canzoniere Popolare Veneto.

Il 18 giugno è la Notte Bianca del FAI