Guide di Viaggio: L’Aia

L'AIA è la terza più grande città dell'Olanda, famosa per essere la sede del Parlamento olandese. Scopriamo insieme come visitarla al meglio

L’Aia è un centro urbano molto ricco di sorprese di vario genere, e la sua fama di città completamente affaristica è abbastanza ingiusitificata, ma non del tutto. Ovviamente, come in molte altre città vi sono dei grandi palazzi e ci sono tanti uffici. In effetti, la prima impressione che si ha su questo centro urbano è che si tratta di una città molto diversa rispetto ad Amsterdam o persino alla vicina Delft. Ad Aia abita la famiglia reale olandese. Vi sono, inoltre, diverse ambasciate. Per questo la città di Aia è intesa anche come un centro affaristico e diplomatico dell’ intera Olanda. Tuttavia, anche il centro storico di Aia merita un’adeguata attenzione, in quanto è ricco di posti e monumenti davvero unici e spettacolari. Iniziando dagli enormi parchi da attraversare in bicicletta, e finendo con la movida del centro, i lati giovanili di questa città non sono da trascurare.

Come negli altri centri urbani olandesi, le case locali meritano un’attenzione particolare. Sono un misto di colori e stili di costruzione molto divertenti. Ad Aia, come ovunque in Olanda, si trovano anche i caffè di tipo hipster, che hanno la peculiarità di servire il cibo homemade, ovvero fatto in casa. Inoltre ad Aia è possibile trovare davvero molte composizioni artistiche, come la celebre tela la Ragazza con l’orecchino di perla, del pittore olandese Rembrandt, di cui è considerata uno dei lavori più celebri, nonché migliori. Anche i molti quartieri in cui si divide la città meritano una buona dose di attenzione. Per esempio, il quartiere di Scheveningen è una vera e propria ciliegina sulla torta. Si tratta di un quartiere marino che si estende lungo la costa.

Qui si possono incontrare i surfisti locali, presenziare ai concerti, alle feste, ai mercatini tradizionali olandesi e quant’altro ancora. La spiaggia del posto è popolare per essere molto bianca e fine ed è uno dei luoghi preferiti per riposare. Non è raro che camminando sul lungomare si possano scorgere molti giovani sdraiati sotto gli ombrelloni in una calda giornata estiva. E se ci si stancasse di riposare, si potrebbe sempre acquistare una tavola da surf e gettarsi nell’avventura sulle onde olandesi. Ovviamente, non saranno mai così alte come quelle delle Hawaii, ma sono comunque sufficienti per praticare il surfing. Durante le Olimpiadi di Rio de Janeiro 2016 questa spiaggia è stata trasformata nella Olympic Experience Den Haag. Gli organizzatori hanno messo a disposizione del pubblico più di 4000 posti.

Tutti per seguire le gare dei giochi olimpici. Celebrando la festa dello sport, durante le olimpiadi in questo luogo hanno presenziato anche molti atleti riconosciuti a livello mondiale. Era possibile praticare il proprio sport preferito insieme a loro, oppure gettarsi alla scoperta di competitizioni agonistiche ancora sconosciute. Il tutto attorniato da molto divertimento. Perché, in effetti, oltre a essere un importante centro amministrativo e burocratico dei Paesi Bassi, l’Aia è anche un centro giovanile. Per ammirare questo luogo si possono utilizzare le tipiche barche olandesi, che viaggiano lungo i canali urbani trasportando i viaggiatori verso le ambite mete storiche. Il bigliettonon costa molto, eppure il viaggio in barca è molto soddisfacente da realizzare.

Le biciclette sono un tratto distintivo della città, come anche dell’Olanda intera. Durante la permanenza ad Aia le si vedono sfrecciare ovunque, qua e la, quasi se non ci fossero altri mezzi di spostamento. La cosa potrebbe sembrare molto strana a prima vista, eppure se si considera che l’Aia è una delle città più eco-green dell’intero pianeta il tutto diventa più chiaro. Avventurandosi nel suo centro storico e assumendo una guida turistica, oppure semplicemente leggendo dei libri legati alla movimentata storia di questa città, si può facilmente scoprire che questo l’Aia ha avuto le funzioni di capitale dell’Olanda fino all’anno 1806, quando la famiglia reale decise di spostare la la capitale ad Amsterdam. Tuttavia, anche in Olanda stessa si dice che il vero centro amministrativo sia ancora l’Aia, mentre Amsterdam svolge dei ruoli di secondo rilievo.

Molti turisti considerano l’Aia come la capitale giudiziaria del mondo. E a dire il vero questa considerazione ha un proprio perché. Basti pensare ai molti edifici storici situati nel centro della città, che richiamano l’attenzione del visitatore al diritto internazionale. In questa città hanno sede i tribunali mondiali la cui funzione sarebbe quella di punire i colpevoli dei crimini perpetrati ai danni dell’umanità intera. Una volta in città bisogna visitare il complesso dei suoi edifici di origine medievale, tra i quali spicca il Ridderzaal, un edificio gotico molto bello sia da vedere, che da visitare. Ad Aia si possono assaggiare i piatti tipici dell’Olanda. Per farlo basta recarsi in un qualsiasi ristorante del centro e chiedere del menù per i turisti.

Guide di Viaggio: L’Aia