Giappone: curiosità dal Sol Levante

Con la sua cultura millenaria quello nipponico è un popolo unico al mondo. Alla scoperta delle (strane) usanze giapponesi

La cosa più affascinante del Giappone? Senza dubbio i giapponesi.
Con le sue usanze e la sua cultura millenaria quello del Giappone è sicuramente un popolo unico al mondo, anche se è un po’ difficile per gli occidentali comprendere appieno le sue (strane) usanze.

L’inglese, questo sconosciuto
La maggior parte dei giapponesi non parla inglese. Questo rappresenta un serio problema per i turisti, inconveniente tuttavia facilmente superabile grazie alla gentilezza dei giapponesi. La cortesia dei cittadini locali, soprattutto fuori da Tokyo, può talvolta essere stucchevole e farvi perdere non poco tempo. Alla richiesta di informazioni da parte di un turista i giapponesi non sono geneticamente in grado di dire “I don’t know”: per cui potrete restare decine di minuti a cercare di comunicare, alla fine però avrete la vostra informazione. La loro cortesia è comunque anche utile, potrà infatti capitare di essere fermati per strada, cartina alla mano, da un giapponese che vuole aiutarvi.

Le scarpe
Passeggiando per le strade delle grandi o piccole città potrete notare una cosa alquanto bizzarra. I cittadini, in modo particolare le donne, sono soliti indossare scarpe molto più grandi del loro piedi. Le spiegazioni sono le più varie. Secondo alcuni esistono solo 3 misure (M-L-XL), secondo altri i piedi dei giapponesi sono troppo piccoli per poter calzare scarpe con misurazione occidentale. La spiegazione vera non la conosciamo, ma è comunque affascinante stare seduti a guardare come una donna in carriera possa poter perdere le calzature da un momento all’altro, sempre che non si abbia niente di meglio da fare.

Il fumo
Come più volte detto quello giapponese è un popolo strano. Se siete dei fumatori le loro usanze potranno sembrarvi bizzarre. In Giappone non è possibile fumare all’aperto, ma esistono delle apposite zone dedicate ai tabagisti. E fin qui tutto normale. La cosa più strana è che nella maggior parte dei locali, anche ristoranti, è consentito fumare.

Il Wc-Washlet
Il gabinetto giapponese meriterebbe un capitolo a parte. Questi wc sono conosciuti in tutto il mondo per le caratteristiche che li rendono unici. Le tavolette sono riscaldate, mentre sul lato della tazza noterete numerosi tasti. Tranquilli: non è una navicella spaziale, ma un “semplice” wc. Eccovi una breve descrizione dei pulsanti:
Rosso: tasto di stop utilizzabile per ciascuna delle funzioni successive
Blu: funzione spray
Viola: funzione bidet (getto d’acqua)
Verde: funzione colonna sonora (per coprire eventuali rumori)
Nero: scelta dei “Jingle musicali”

Il galateo
Quello che a noi sembra normale per i giapponesi può essere scortese, e viceversa. Ad esempio è praticamente vietato soffiarsi il naso in pubblico, o lasciarsi andare ad effusioni amorose. Non sarete multati per un bacio, ma sarete visti in malo modo.
I giapponesi evitano di mangiare per strada, mentre è normalissimo consumare un pasto portato da casa a bordo treno. Non sorprendetevi, o raccapricciatevi, se nel vostro vagone sentirete puzza di pesce, a qualsiasi ora.
Per i giapponesi, poi, è del tutto normale fare rumore mentre si mangia un brodo caldo, cosa che da noi è vista come un gesto di maleducazione.
I giapponesi nel loro lavoro sono precisi, meticolosi, non commettono errori ma non sono velocissimi. Armatevi di pazienza, anche solo comprare un biglietto della metro potrà costarvi molto tempo.
In Giappone se siete colpiti da un’improvvisa voglia di snack o bevande gassate potrete sanarla in pochi minuti. Ogni 200 metri, infatti, è presente un distributore automatico. Indispensabile.
Sappiate che in linea di massima i luoghi comuni sul Giappone, e sui giapponesi, sono per lo più veri.
Gli uomini non sono proprio dei galantuomini. Se siete donne potrà capitare, ad esempio in metro, che un giapponese vi rubi il posto o che inizi a spingere per farsi spazio. Non fateci caso, pare sia normale per loro.
I giapponesi sono precisi ed educati, ma come avrete intuito l’educazione orientale è molto diversa dalla nostra. In Giappone, infatti, si sputa tranquillamente, anche fuori dai locali e sui mezzi pubblici, così come è onorevole sudare molto, che è segno di impegno e sacrificio.

Assicurazione sanitaria
La sanità giapponese funziona un po’ come quella americana: in pratica è a pagamento. Nel caso di problemi di salute, incidenti o infortuni, la tessera sanitaria che si utilizza in Italia non viene riconosciuta in Giappone e le spese sono tutte a carico dei degenti. La cosa migliore è stipulare un’assicurazione dall’Italia, per evitare spiacevoli sorprese.

Non solo sushi
Se il pesce crudo non è proprio tra i vostri piatti preferiti non abbiate timore, in Giappone non si mangia solo sushi. Tanti sono i piatti, tutti squisiti, tipici della tradizione culinaria nipponica.
Il cibo giapponese, così come lo conosciamo nei ristoranti presenti sul nostro territorio, poco ha a che vedere con la cucina locale.
In questo Paese si utilizza come base per molte ricette il riso, che viene cotto al vapore. Tra gli ingredienti che accompagnano questo piatto, presente sempre sulle tavole nipponiche, ci sono tantissime verdure. Gli udon, spaghetti di riso, sono uno dei piatti più diffusi. Anche gli okonomiyaki, una sorta di frittata, sono molto diffusi, soprattutto in alcune zone del Paese. Un piatto saporito e sostanzioso, e soprattutto molto economico. Sappiate che il riso viene spesso usato anche come ingrediente dei dolci, che, ad onor del vero sono molto diversi da quelli occidentali.

Giappone: curiosità dal Sol Levante