Gay, le mete di viaggio più cool

Le destinazioni più ricercate dai viaggiatori omosessuali

Il popolo dei gay è senza dubbio il più alto-spedente che ci sia. E quanto a viaggi, conferma la stessa tendenza. Secondo un recente studio riportato dall’Ansa, gli omosessuali italiani produrrebbero il 7% dell’intero giro d’affari generato dall’industria del turismo, che corrisponde all’incirca a 3,2 miliardi di euro l’anno di fatturato. Inoltre risulta che un gay su quattro fa vacanze fuori dall’Europa e di almeno 7 giorni, contro il 4% dei viaggiatori eterosessuali.

Va da sé che il segmento omo sta diventando un target prezioso da coltivare per gli operatori del settore. Che soprattutto all’estero trovano soluzioni mirate per loro in hotel e villaggi dedicati, o comunque a forte vocazione gay.

Ma dove vanno soprattutto in vacanza gay e lesbiche? In testa alla hit delle loro mete preferite c’è Gran Canaria (ci va circa il 50% dei viaggiatori omo), ma è subito seguita dall’isola spagnola di Ibiza, e da quella greca di Mykonos nelle Cicladi.

Gettonate anche le capitali europee, e soprattutto la regina delle nuove tendenze, ovvero Londra, ma anche Vienna. Volando lontano, sono amate anche Cuba, il sud America, gli Usa, e l’Australia.

E in Italia? Chi resta tra i confini del Bel Paese opta soprattutto per Roma, Bologna e la Toscana.

Gay, le mete di viaggio più cool