A bordo del treno dell’Impressionismo in Normandia

La Francia promuove attraverso SNCF un nuovo affascinante itinerario alla scoperta del movimento artistico più amato del mondo

Monet, Degas, Renoir, Manet… sono i pittori impressionisti che tutti quanti amano. Se siete tra gli appassionati di questa corrente artistica, non potrete non restare affascinanti dal treno dell’Impressionismo proposto da SNCF. Il treno attraversa la Normandia, regione del Nord della Francia legata alla corrente artistica Impressionista.

Il treno parte dalla stazione di Saint-Lazare di Parigi ogni sabato e ogni domenica, raggiungibile con il TGV acquistabile online su Voyages-sncf.com.

La scelta della stazione non è stata casuale: nel 1877, infatti, Claude Monet (il cui anniversario cade proprio quest’anno) dipinse una serie di vedute di questa moderna costruzione di vetro e ferro, studiandone la luce in diverse ore del giorno.

Una volta saliti a bordo del treno, i passeggeri vengono avvolti a 360 gradi nel mondo Impressionista del treno, rivestito da riproduzioni di opere di Pissarro e Monet. A bordo si respira un’atmosfera magica: all’interno delle carrozze, infatti, sono collocati pannelli descrittivi che raccontano la storia delle opere più suggestive. Tramite un codice QR, con il proprio smartphone si può accedere a un sito per approfondire le ricerche.

Il viaggio prevede un tragitto di andata e ritorno in un giorno o due al massimo: si possono scegliere diversi percorsi. Il primo si svolge in giornata ed è in direzione di Giverny-Vernon, un piccolo villaggio dove Monet visse dal 1883 fino alla sua morte nel 1926. Questa tappa prevede l’entrata al Museo degli Impressionisti, la visita alla casa Museo di Monet e al giardino delle ninfee, ritratto in moltissimi quadri dell’artista.

Il secondo itinerario dura uno o due giorni ed è quello a Rouen, dove si visita la Cattedrale e il Museo delle Belle Arti in cui sono esposti quadri di Monet, Degas, Renoir e Pissarro. Da non perdere la mostra ‘Manet, Renoir, Monet, Morisot… Scene di vita impressionista’ dal 16 aprile al 26 settembre. E’ in questa città che Monet dipinse la celebre serie delle Cattedrali di Rouen.

Il terzo itinerario è in direzione di Le Havre, anche questo può durare uno o due giorni. Il porto, Patrimonio mondiale dell’Unesco, è stato rappresentato da diversi artisti Impressionisti. La formula di un giorno comprende il tragitto di andata e ritorno in treno Parigi-Le Havre, due biglietti di trasporto urbano e la visita del Museo André Malraux (MuMa), dove si può visitare la mostra ‘Eugène Boudin, lo studio della luce’ (16 aprile-26 settembre 2016) dedicata all’artista nato nella cittadina di Honfleur. Il pacchetto di due giorni comprende anche un City Tour (a partire da metà maggio).

Il biglietto di andata e ritorno parte da 42 euro e comprende navette e ingressi ai musei, per i quali non sarà necessario fare la fila.

E proprio in Normadia si tiene la terza edizione del Festival Normandia Impressionista. Infatti, è qui che Monet dipinse, nel 1872, ‘Impression, soleil levant’ che diede il nome alla  corrente artistica. Quest’anno il festival si svolge dal 16 aprile al 26 settembre. L’idea è di mettere in primo piano l’Impressionismo in tutte le sue forme sull’intero territorio normanno. Sono 450 gli appuntamenti tra mostre, eventi, ma anche arte contemporanea, musica, cinema, teatro, danza, fotografia, video, letteratura, spettacoli di suoni e luci, pranzi sull’erba e cabaret. Il tema di quest’anno è ‘Portrait(s) impressionniste(s)’ (‘Ritratto/i impressionista/i’) omaggio a tutti quei pittori amanti dei ritratti, come Renoir, che dipingeva il viso delicato delle ragazze, Degas che aveva una predilizione per le modiste e le lavandaie, e Pissarro, che preferiva per le piccole contadine.

Il Museo delle Belle Arti di Rouen presenta la mostra ‘Scènes de la vie impressionniste’ con opere di Manet, Monet, Renoir, Cézanne, Degas. Il Museo André Malraux du Havre propone di immergersi nell’universo pittorico di Eugène Boudin, pioniere dell’Impressionismo, attraverso la mostra ‘L’atelier de la lumière, portrait d’Eugène Boudin’. A Giverny, il Museo des impressionnismes mette in evidenza l’opera di Gustave Caillebotte. Ma Giverny è soprattutto il luogo in cui visse Claude Monet e dove dipinse la serie di ninfee.

Il movimento artistico Impressionista è nato a Parigi intorno al 1860: deriva dal realismo, ma ha programmaticamente rappresentato solo i lati gradevoli della società. I suoi più importanti esponenti sono Monet, Renoir, Sisley e Pissarro.

L’occasione di una fuga dalla routine quotidiana è sempre ghiotta, a maggior ragione quando c’è la possibilità di legare questa esperienza all’arte: allora, direzione Francia, verso la patria dei pittori Impressionisti, a bordo dei TGV. La bellezza è farlo in treno in quanto non c’è solo l’arrivo, è il viaggio che conta e un viaggio in treno permette di raggiungere il centro della destinazione scelta, fruendo di numerosi vantaggi: grande libertà nella gestione del bagaglio, godersi in totale relax i magnifici paesaggi e tutti i comfort e servizi messi a disposizione dei passeggeri, Su Voyages-sncf.com il portale di viaggi di Voyages SNCF, la società del gruppo SNCF specialista dei viaggi a lunga percorrenza in Francia e in Europa, è possibile organizzare la propria partenza da Milano, Torino, Vercelli o Novara. Il sito contiene anche la sezione Calendario Prezzi che aiuta gli utenti a individuare il miglior prezzo e, dunque, il miglior giorno per raggiungere la Francia.

L’iniziativa che ha portato alla creazione del treno dell’Impressionismo è nata nel 2015: fondamentale il ruolo della Società Nazionale delle Ferrovie Francesi. Lo scopo di questo itinerario a bordo di un treno è di promuovere l’arte degli Impressionisti. Quest’anno riparte dal 16 aprile ed effettua l’ultimo viaggio il 25 settembre. Ecco come prenotarlo.

 

A bordo del treno dell’Impressionismo in Normandia