Terme libere, ecco dove sono in Italia

Una guida alle più belle terme gratuite e libere d'Italia per immergersi nelle acque calde a stretto contatto con la natura

Le terme e le Spa d’Italia sono sorte in prossimità di fonti d’acqua termale di cui il nostro Paese è ricco. Da Nord a Sud del Belpaese sono migliaia le strutture a pagamento in cui è possibile trascorrere qualche ora di completo relax. Non tutti sanno, però, che non lontani dalle strutture ci sono punti in cui sgorga liberamente la stessa acqua con le medesime proprietà benefiche. Ed è gratis. Ecco le terme libere e gratuite più facili da raggiungere.

La provincia di Viterbo vanta un ricco bacino termale, dove è possibile trovare molte zone libere dove godere dei piaceri delle terme a stretto contatto con la natura. Tra queste ci sono le terme di Bagnaccio, in aperta campagna e dalle cui vasche si possono ammirare distese di prati fino a vedere la catena dell’Appennino. Le terme del Bullicame sorgono in un cratere in cui l’acqua sgorga in modo impetuoso perché la portata è molto elevata.

L’area termale delle Piscine Carletti comprende alcune vasche alimentate da numerosi rigagnoli d’acqua a 58°C trasparente e limpida. Sono molto frequentate anche durante la settimana, soprattutto la sera con il chiaro di luna. Si trovano a meno di 3 km da Viterbo.

Anche la zona dei Siena offre numerose occasioni per gli amanti dei bagni caldi “al naturale”. Bagni San Filippo è famosa per le sue sorgenti libere, situate in una zona verde vicino al Monte Amiata, molto frequentate soprattutto da persone del luogo. L’acqua contiene una sostanza polverosa bianca che rimane sulla pelle trasformando i bagnanti in piccoli fantasmi, un’immagine suggestiva soprattutto la sera. Le terme naturali comprendono anche piccole pozze e cascatelle. Petriolo è una famosa località termale ricchissima di acque minerali ad azione curativa. Oltre alle terme a pagamento, si può usufruire gratuitamente delle terme libere, l’acqua calda è a 43°C. Bagno Vignoni, un antico borgo con una vasca termale proprio nel mezzo della piazza principale. Gli abitanti preferiscono che non venga più usata per questioni di decoro, ma c’è ancora chi ama immergersi di nascosto. Verso il fiume Orcia, però, si trova una seconda piscina termale dove è possibile sostare, usufruendo dei benèfici effetti delle acque solfuree.

La Toscana offre uno scenario d’eccezione ancora con le terme di San Casciano (Firenze) e le Cascate del Mulino vicino a Saturnia (Grosseto), dove si trovano le terme più esclusive d’Italia, carissime e frequentate da molti vip.

In Sardegna, vicino a Oristano, ci sono le Terme Fordongianus sul fiume Tirso, conosciuta fin dai tempi antichi, grazie alle sue fonti ipertermali. E nel Nord Italia le Terme di Bormio (in provincia di Sondrio), le vasche libere raccolgono la caldissima acqua termale proveniente dalla parete rocciosa. Il paesaggio circostante è molto suggestivo e lo spettacolo invernale delle terme con la neve è imperdibile. Non molto lontano dalle terme libere ci sono le famose strutture termali a pagamento con i Bagni Vecchi e i Bagni Nuovi.

Terme libere, ecco dove sono in Italia