Esiste una spiaggia in cui la sabbia non è mai bollente: ecco dov’è

Esiste una spiaggia in cui la sabbia non scotta mai e si può camminare scalzi in qualsiasi ora del giorno. Ecco dove si trova

Esiste una spiaggia in cui la sabbia non è mai bollente e i bagnanti possono camminarci sopra senza scottarsi. Questa meraviglia naturale si trova negli Stati Uniti, per la precisione a Siesta Key, un’isolotto della Florida, fra la Baia di Roberts e il Golfo del Messico. La spiaggia di questa stupenda isola tropicale è formata da quarzo puro, un materiale che non assorbe i raggi del sole e che di conseguenza rimane freddo anche quando il termometro segna oltre i 40 gradi.

La sabbia rovente è l’incubo di tanti turisti, spesso costretti a corse interminabili verso il bagnasciuga per evitare di scottarsi la pianta dei piedi. Tutto questo non accade a Siesta Key, dove l’arenile è sempre fresco e piacevole al tatto, finissimo e soffice, così tanto che camminarci sopra è un vero piacere. Il quarzo si trova anche in diverse altre spiagge in giro per il mondo, la differenza sta nel fatto che quello che si trova in Florida è purissimo e polverizzato, così tanto che non è in grado di accumulare calore.

Il lido incontaminato è stato sottoposto a diversi studi dagli esperti, che hanno tentato di scoprire il segreto del quarzo depositato nella spiaggia. Secondo gli studiosi Siesta Key si sarebbe formata in milioni di anni grazie al quarzo proveniente dagli Appalacchi, una gigantesca catena montuosa che si trova a chilometri di distanza, nella zona orientale del Nord America. Da qui il quarzo avrebbe viaggiato nel mare, sino a depositarsi sulle spiagge dell’isola, denominate Siesta Beach, Crescent Beach e Turtle Beach.

Il risultato è un piacere non solo per la vista, ma anche per il tatto, visto che la maggior parte dei turisti che visitano questi luoghi lo fanno senza utilizzare ciabatte o scarpe e godendosi la sabbia fredda e soffice che scivola sotto la pianta dei piedi.

Esiste una spiaggia in cui la sabbia non è mai bollente: ecco do...