Diario di Viaggio: l’Islanda

Islanda: tutte le informazioni utili per girare questo paese, cosa vedere, cosa visitare e soprattutto quali escursioni fare

L’Islanda è chiamata terra del ghiaccio e del fuoco proprio perché è ghiacciata per gran parte dell’anno, ma dalle viscere della terra i geyser fanno la loro comparsa con vapori e getti incandescenti. Si trova in mezzo all’Oceano Atlantico, nella parte settentrionale e si raggiunge con circa quattro ore di volo dall’Italia. I periodi migliori per visitare questi luoghi sono la tarda primavera e l’estate. L’inverno è solo per i più temerari perché le temperature scendono anche fino a trenta gradi centigradi sotto zero e l’ambiente è completamente gelato.

L’aeroporto islandese a cui si fa riferimento per i viaggi in Islanda è quello di Keflavìc situato a circa cinquanta chilometri dalla capitale Reykjavìk, a cui è ben collegato con navette, autobus e taxi. In città si può ammirare la Hallgrìmskirkja, un luogo di culto luterano costruita in stile basaltico islandese, assimilabile alle architetture neogotiche europee. Altra chiesa luterana importante è quella di Dòmkirkjan, sede del Vescovo d’Islanda costruita in stile neoromanico. Da non perdere una visita al Perlan, uno degli edifici più spettacolari di tutta l’Islanda, con un ottimo ristorante in cima per godere del bel panorama.

L’Islanda è il luogo ideale per organizzare escursioni in mezzo alla natura. E’ possibile visitare il Parco Nazionale di Skaftafell con il suo ghiacciaio e l’imponente cascata, oppure recarsi al Laugavegur, zona ideale per escursionismo e campeggio, attrezzato con cinque rifugi. I sentieri che si percorrono per raggiungerlo sono molto suggestivi e con caratteristiche diverse da zona a zona. Da non perdere un bagno in una delle sorgenti di acqua calda che sgorgano dal terreno, come quella di Reykjadalur, vicino alla capitale Reykjavìk , o quella di Seljavallalaug con la sua piscina geotermica, perfetta per una giornata di relax lontano dallo stress.

Restando in tema di acqua calda, suggeriamo una tappa alla Grotta di Grjotaja, dove la temperatura è di circa cinquanta gradi centigradi. Per arrivarci il mezzo ideale è il cavallo. Molti sono i tour organizzati dalle agenzie riguardanti il Circolo d’Oro e la Laguna Blu. Non si può andare in vacanza in Islanda senza ammirare almeno una volta l’ aurora boreale , il singolare fenomeno che illumina di notte il cielo di verde, tipico dei territori nordici. Per muoversi liberamente in quest’area così desolata dell’Europa è consigliabile noleggiare un’auto.

Diario di Viaggio: l’Islanda