Cosa vedere in Messico: documenti d’ingresso, mete e città da non perdere

Il Messico è senza ombra di dubbio uno dei più affascinanti Paesi dell'America latina. Scopriamo insieme cosa visitare e quali documenti preparare

Il Messico è sicuramente un Paese molto discusso e famoso, sopratutto nel gruppo di quei turisti che per un motivo o per un altro si sono innamorati della civiltà dei Maya. Guardando la mappa, questo Stato sembra davvero piccolo: quasi la metà dell’Italia.

Eppure, pianificando un viaggio e costruendo i vari itinerari che dovrebbero aiutare nella scoperta dello Stato messicano, ci si rende presto conto di quanto il territorio nazionale del Messico sia enorme e pieno di varie attrattive.

Le attrazioni culturali messicane sono davvero tante e serve molto tempo per visitarle tutte. Per questo si consiglia sin da subito decidere che tipo di viaggio si vuole svolgere: se vedere le meraviglie naturali messicane, oppure se gustarsi i suoi importanti siti storici. In alternativa, qualcuno potrebbe anche voler recarsi alle sue spiagge.

E anche in questo caso l’itinerario cambierebbe completamente. Tuttavia, ancor prima di spiegare quali siano i posti d’alto interesse da visitare, si possono rassicurare i viaggiatori sui documenti: per entrare in Messico non serve il visto turistico. Quel che invece è richiesto è un passaporto valido per almeno altri 3 mesi. Inoltre, le autorità locali fanno compilare ai turisti che arrivano in Messico un cartiglio chiamato Forma Migratoria FMT. Si tratta solo di un modulo di registrazione. Al termine della compilazione si procede a consegnare il modulo alle autorità competenti locali e si pagano circa 15 euro (210 pesos) per la tassa aeroportuale. Generalmente, quest’ultima è compresa nel costo del biglietto aereo. Altre volte va pagata poco prima di lasciare il Messico. La scoperta dell’interessante stato dell’America del Nord, ma con la cultura dell’America latina, bisogna iniziare dalla sua capitale.

Città del Messico è una delle città più sviluppate e tecnologiche del mondo. A differenza di quanto si pensi, la presenza dello Stato e di forze dell’ordine qui è davvero molto alta. Il centro della Città del Messico è rappresentato dalla Piazza della Costituzione, che gli abitanti locali chiamano semplicemente El Zocalo. Da qui si potrebbe passare a esplorare l’imponente centro storico, ricco di edifici e monumenti di vario genere. Nel centro della Città del Messico si trova il Museo Nazionale di Antropologia, il Palazzo delle Belle Arti, una splendida Cattedrale gotica e il Castello di Chapultepec. Anche coloro che amano l’arte troveranno del pane per i propri denti al Palazzo Nazionale della Città del Messico, ove è possibile ammirare i murales autentici realizzati da Diego Rivera.

Come se tutto ciò non bastasse a rendere la città davvero unica, vi è anche la famosa Casa Blu, meglio conosciuta come il Museo di Frida Kahlo (un’importante pittrice messicana). Coloro che invece vorrebbero ammirare la natura potrebbero recarsi presso il Parco di Chapultepec. A 50 chilometri da Città del Messico sorge la Città degli Dei, meglio conosciuta come Teotihuacan. Si tratta di un sito archeologico davvero molto importante. Basti pensare che in passato era il centro del potere militare, politico, economico e persino culturale dell’intera zona. Tale centro urbano ha ampiamente influenzato la cultura del Messico e degli Stati limitrofi. Al suo interno c’è la maestosa Piramide del Sole: un complesso storico composto da vari sassi di grandi dimensioni e da più di 243 gradini. Sulla costa occidentale del Messico, bisognerebbe recarsi al Puerto Escondido.

È una vera mecca per i surfisti di tutto il mondo, che vengono qui per esercitarsi sulle alte onde che nascono lungo la costa messicana. Il Messico, come ben si sa, è stato a lungo tempo una colonia spagnola. Proprio per questo una grande parte della sua storia è legata al colonialismo. La città di Oaxaca è tra le più belle città coloniali nel mondo. Vi sono diversi edifici storici di grande importanza artistica, una deliziosa e saporita cucina regionale e vari mercati messicani tradizionali. Il suo fiore all’occhiello è sicuramente la Basilica de la Soledad, costruita in stile barocco. In più vi è l’ex convento di Santo Domingo. Viaggiare nel Messico è molto rilassante. La gente locale è ben predisposta nei confronti dei turisti. Inoltre, il Messico è uno dei Paesi più religiosi al mondo e a testimoniarlo ci sono le tante chiese situate non solo nelle grandi città, ma anche in periferia.

Nel Messico ha luogo anche lo Yucatan, che ospita il Tulum, un grande sito archeologico. Visitandolo, si potranno scoprire tante cose nuove al riguardo della civiltà Maya. Tutti gli edifici vicini al sito archeologico ne rispettano lo stile artistico e culturale. Tra le più grandi e importanti città del Messico bisogna citare San Cristobal de las Casas. È così piccola, che può essere facilmente percorsa a piedi, eppure è molto bella da visitare. San Cristobal è da molti considerata come una vera e propria città magica, dove il relax si fonde perfettamente con le case messicane. Inoltre, vicino si trova il Canyon del Sumidero: un posto in cui è possibile respirare un’aria intrisa di antichità.

Cosa vedere in Messico: documenti d’ingresso, mete e città da n...