City of design: cosa vedere a Torino

Torino è una delle più importanti città italiane per quel che riguarda il design e la cultura. Ecco le attrazioni imperdibili in caso di visita nel capoluogo sabaudo

La città di Torino è un vero e proprio punto di riferimento in Italia per quel che concerne il design e lo stile architettonico. Visitando i palazzi e le strutture più celebri della città, una su tutte le celebre Mole Antonelliana, ci si può addentrare all’interno di una realtà di alto livello, che testimonia l’influenza esercitata dal capoluogo sabaudo sulla moda italiana e internazionale durante tutto il Novecento. Le eccellenze artistiche di Torino sono diverse e la sua parte Liberty, con Piazza Castello e le eleganti abitazioni che si trovano tra le strette viuzze del centro, è senza dubbio una delle più interessanti del Bel Paese. Centro urbano a spiccata vocazione industriale, contrassegnato per tutto il dopoguerra dall’enorme influenza sociale ed economica esercitata dalla Fiat, Torino è però pure una meta perfetta per coloro che sono alla ricerca dell’arte ottocentesca, grazie ai numerosi edifici risalenti all’epoca moderna e risorgimentale che ne ornano e colorano le vie centrali. Palazzo Carignano è sicuramente il più celebre di questi, capolavoro dell’eccellenza barocca torinese, ma i motivi di interesse artistico che possono spingere coloro che sono alla ricerca delle bellezze di Torino sono molti altri.

Città aperta all’arte e al turismo, Torino è da secoli un vero e proprio crocevia tra Italia e Francia, visto l’intenso legame che essa ha avuto lungo buona parte della sua storia con la casata Savoia. Le peculiarità artistiche torinesi possono essere ammirati in alcuni dei poli museali presenti in città, assai eterogenei e in grado di soddisfare le esigenze più disparate, soprattutto di quanti amano le opere contemporanee. Uno dei poli più celebri della città sabauda è la Galleria di Arte Moderna o GAM, fondata a fine del XIX secolo e ricca di quadri e sculture risalenti al 1900, con numerose esposizioni permanenti dove i protagonisti sono Klee, Pellizza da Volpedo, Picabia e tanti altri ancora. Gli appassionati di arte non devono perdersi neppure una visita al Castello di Rivoli, suggestiva struttura che ospita il Museo di Arte Contemporanea del Piemonte. Antica residenza dei Savoia, il castello è la location ideale per vedere da una posizione privilegiata la più grande città della regione, contemplando un dipinto astratto oppure discutendo sul significato di una scultura in ferro. Proprio accanto al castello di Rivoli si trova poi un celebre ristorante, il Combal Zero, perfetto per gustare i piatti della tradizione piemontese realizzati con stile raffinatezza.

Uno dei migliori motivi che può spingere un turista a visitare Torino è senza dubbio rappresentato dalla cucina piemontese, una delle più varie e saporite d’Italia. I locali e i punti di ristoro tipici sono numerosi, localizzati tanto nel centro quanto nell’immediata periferia torinese, e consentiranno ai gourmets di gustare qualche prelibatezza del territorio torinese e piemontese. Bagna cauda, fritto misto, bollito e la carne di fassona sono solo alcune delle specialità gastronomiche più tipiche, in attesa di concludere degnamente il proprio pasto con un dolce come il bunet o gli immancabili cioccolatini. Scoprire Torino non significa dunque andare solo alla scoperta dell’arte e del design, ma anche fare un vero e proprio tour gastronomico, che non potrà lasciare delusi tutti coloro che sono alla ricerca della buona tavola. Per suggellare degnamente l’itinerario torinese non rimane infine che approfondire un po’ gli aspetti culturali presenti in città, che abbondano a Torino e la rendono uno dei centri urbani più intellettuali del Bel Paese. Le biblioteche e i musei sono infatti assai diffusi ed è proprio su quest’ultimi che vanno fatti alcuni utili appunti.

Gli amanti della storia sanno bene che la città sabauda è un punto di riferimento mondiale per quel che riguarda la cultura antica, dato che a Torino si trova uno dei più importanti poli museali sulla civiltà antica dell’Egitto. Il Museo Egizio è meta quotidiana di centinaia di turisti, interessati alla cultura e alla società della popolazione nord africana e i reperti conservati all’interno delle teche, tra mummie, vasi e suppellettili vari, tra i più importanti in senso assoluto. Eccezionale è poi pure il Museo del Risorgimento, situato a breve distanza dal primo e perfetto per scoprire il processo che nel corso dell’Ottocento ha portato all’unificazione nazionale del 1861. Quanti hanno poi intenzione di unire l’arte alla natura, tenendo però un occhio sempre ben vigile sulla storia, non possono mancare una visita del Parco del Valentino, enorme area verde situata lungo le sponde del Po. Questo polmone verde di Torino non è solo il luogo ideale per fare un po’ di jogging, ma grazie alla fedele ricostruzione di un borgo medievale saprà riportare i turisti all’età comunale. Niente di meglio dunque di un viaggio a Torino per divertirsi imparando.

City of design: cosa vedere a Torino