City of design: cosa vedere a Milano

Una breve guida della Milano moderna e dei nuovi quartieri simbolo di una città che cambia

Ecco una breve guida di Milano che illustra tutte le principali attrattive turistiche di questa città in rapida evoluzione. La skyline milanese è in costante via di cambiamento. Il merito è sopratutto delle molte menti celebri che abitano nel capoluogo della Lombardia e che lavorano duramente per migliorare l’immagine della città agli occhi dei tanti visitatori che si recano nella capitale della moda e del design.

Secondo quanto riporta Skyscanner, Milano è una delle 20 città più innovative e tecnologiche al mondo. Una di quelle che riesce a fondere perfettamente l’innovazione moderna con il design, senza rinunciare al proprio vecchio aspetto, quello che vedeva la città come un importante centro culturale e artistico, non solo della Lombardia, ma dell’intera penisola. E non è un caso se Milano è riconosciuta nel mondo come la capitale del design.

Difatti, nella metropoli si svolge regolamente l’Esposizione Internazionale Triennale all’interno di uno spazio creativo e dinamico, sempre in divenire, che è la Triennale e che mostra ai milanesi e ai turisti l’evolversi del design attraverso le creazioni degli artisti locali.

I percorsi della Triennale si rinnovano di anno in anno, in modo da dare ai visitatori un senso di movimento, di continuo progresso e di evoluzione inarrestabile. Inoltre, nella capitale del design italiano si tengono anche molti altri eventi sul tema delle innovazioni nel campo dell’architettura. Già oggi nella più grande città della Lombardia si possono vedere molti edifici innovativi, costruiti con linee morbide e moderne, che si ergono sul panorama in un modo maestoso.

Come se tutto ciò non bastasse a fare di Milano la regina indiscussa del design, nel mese di aprile si svolge il Salone del Mobile e il Fuorisalone. Durante questi due eventi vengono proposte le innovazioni nel campo degli arredamenti interni e del design. Nel capoluogo lombardo confluiscono visitatori provenienti da tutto il mondo per questo happening internazionale.

Chi volesse conoscdre le principali attrazioni innovative della città, dovrebbe iniziare dalla scoperta dalla zona Garibaldi. Questo quartiere è un concentrato di edifici moderni, il più recente in città che ne ha modificato lo skyline. I grattacieli che si ergono per centinaia di metri sulla città sono un vero splendore. I grattacieli della zona Garibaldi sono stati costruiti da menti celebri, con la partecipazione di architetti famosi. Si parte da Piazza Gae Aulenti, situata proprio in zona Garibaldi, e si procedere verso il Bosco Verticale, un edificio situato a qualche centinaio di metri che ha vinto il premio come migliore edificio al mondo.

Durante il percorso si potranno vedere molte opere realizzate in funzione della sostenibilità ambientale. Gli edifici s’inscrivono perfettamente nel panorama tipico milanese. Non danneggiano l’ambiente circostante, sono ecosostenibili e armoniosi.

Ma Milano è sempre stata moderna e avanti rispetto ai tempi: basti pensare ai famosi Navigli, progettati da Leonardo da Vinci nel 1400, un sistema di canali navigabili che mettevano in comunicazione il Lago Maggiore, quello di Como e il basso Ticino aprendo al capoluogo lombardo le vie della Svizzera e dell’Europa nordoccidentale, dei Grigioni e dell’Europa nordorientale e, infine, quella del Po verso il mare. I Navigli non erano solo vie di collegamento, ma servivano anche per irrigare i campi tanto che resero produttive vastissime aree prima incolte. Oggi sono un ottimo luogo dove rilassarsi al calare della sera.

Visitare Milano vuol dire recarsi alla Chiesa di Santa Maria delle Grazie, dove si trova il famoso affresco di Leonardo da Vinci, l‘Ultima Cena. Il Cenacolo Vinciano è divenuto famoso anche tra i meno esperti grazie ai romanzi di Dan Brown e viene visitato da milioni di turisti che arrivano a Milano ogni anno.

 

City of design: cosa vedere a Milano