Città abbandonate: le più belle da visitare oggi

Città fantasma a causa di cataclismi naturali o meno che hanno costretto le popolazioni ad abbandonarle

Città perdute ovvero quelle città un tempo floride e abitate poi divenute “città fantasma”. La causa è da ricercare nell’abbandono o nelle calamità naturali. Ecco quali di queste sono tra le più affascinanti e ancora oggi possibili da visitare.

Prima fra tutte l’incantevole Babilonia. Voluta in ogni sua pietra da Hammurabi, venne distrutta dagli Assiri nel VI sec a.C., ed ecco che luoghi come la Torre di Babele o i giardini pensili sono conosciuti da tutti, purtroppo solo come ricordo. Attualmente è possibile raggiungerla da Baghdad, ma non con poche difficoltà.

Seconda in classifica ecco Dunwich, uno dei porti più grandi durante il Medioevo. Venne però costruita sulla sabbia ed ora ciò che ne resta è soltanto una replica, essendo stata portata via da una enorme tempesta.

In Messico, ai piedi delle montagne del Chiapad a Sud Ovest ecco Palenque, a suo tempo importantissimo centro Maya.Qui troverete alcune delle più belle opere di questa civiltà dai tempi d’oro anche se purtroppo l’avanzare della foresta ha portato ad un grande degrado. Passiamo in Scozia ed ecco Skara Brae nelle Orcadi, un vero e proprio insieme di rovine preistoriche da 5000 anni a questa parte.

In Pakistan abbiamo Taxila o Takshashila, fondata da un antico re indiano intorno al VII secolo a.C. Qui vi sono ben tre città perdute: Mound Bhir, Sirkap e Sirsukh, distrutte dagli Unni definitivamente nel VI secolo d.C.

Ecco poi un luogo davvero incantevole, meta non solo dei cultori di archeologia ma anche del turismo di massa: Angkor in Cambogia. Pare che un tempo arrivasse a coprire la superficie di 3000 km quadrati, tanto da essere la capitale dell’impero Khmer. Attualmente parte dei Patrimoni Unesco, nonostante sia stata abbandonata, i suoi templi sono a tutt’oggi un spettacolo che si rinnova.

Non da meno è Cartagine, in Tunisia, distrutta dai Romani nel 146 a.C. Una volta ricostruita dagli stessi, “Delenda Cartagho” venne nuovamente distrutta dagli arabi.

In California, Darwin è un esempio delle città degli Stati Uniti d’America sorte grazie ai giacimenti di argento.

In Australia, Wittenoom oramai non è nemmeno più considerata una città, poiché il governo non la sovvenziona più. Restano solo pochi abitanti e un’ambientazione ottimale per storie tetre.

Concludiamo con la nostra splendida Italia e ancor più alla nostra ancora più incantevole Campania e troviamo annoverate Pompei ed Ercolano, sommerse dal Vesuvio nel 79 d.C. Fu proprio grazie a questo evento catastrofico, però, che ancora oggi abbiamo un patrimonio unico che ci dà testimonianza della vita di allora.

Città abbandonate: le più belle da visitare oggi