Sull’Appennino nel Ducato di Parma e Piacenza

Non bisogna andare all'altro capo del mondo per rilassarsi in una cornice da sogno

In Emilia RomagnaNon bisogna andare all’altro capo del mondo per rilassarsi in una cornice da sogno. Lo si può fare nell’Appennino parmense, dove rivivono ancora oggi le atmosfere di una storia antica. Le alture del Parmense regalano a chi le visita natura e paesaggi incontaminati, il luogo perfetto dove immergersi della natura dimenticando il caos afoso delle città.

Tra alture e aria limpida, non rigenerarsi è impossibile. Gli sportivi possono avventurarsi nel territorio facendo trekking. Qui la massima altitudine è rappresentata dai 1861 metri del monte Sillara. Ben 110 itinerari dei sentieri del Cai percorrono l’Appennino da Est a Ovest: il Lago Santo Parmense e i Lagoni sono solo alcune delle mete più amate.

Verde ma non solo. Non si può non “andar per castelli”, alla scoperta di fortificazioni, oppure di borghi deliziosamente pittoreschi immersi in un’atmosfera senza tempo. Il Ducato di Parma e Piacenza, con i suoi 300 anni di storia, offre rocche e castelli magnifici. Molti di questi posti magnifici aprono le porte a turisti e viaggiatori, permettendo loro di dormire tra le mura di dimore da sogno, come l’Antica Corte Pallavicina o nel Palazzo dalla Rosa Prati.

Altro luogo magico è Borgo Casale, nella provincia di Parma. In questo posto delizioso e quieto i viaggiatori potevano trovare ristoro banchettando in compagnia, tra musiche di artisti, racconti e novelle. Con il passar dei secoli questa tradizione non si è mai persa.

Sull’Appennino nel Ducato di Parma e Piacenza