Un albergo con le ali: ecco il Boeing che diventa ostello

Parcheggiato all'aeroporto di Stoccolma, il vecchio Jumbo è divenuto un hotel

Se non riuscite a dormire in volo, salite su quest’aereo. Sul Jumbo 747-200 dormirete benissimo e non avrte limiti di peso per il bagaglio. Dimenticate gli scioperi, il rischio di overbooking: non rimarrete mai a terra. Anzi ci trascorrerete senza problemi anche diverse notti perché l’aereo in questione è un vecchio Boeing trasformato in hotel.

Il velivolo  è un apparecchio dismesso a causa del fallimento della compagnia aerea Transjet ed è stato trasformato in un ostello con 25 camere: il JumboStay. Parcheggiato nei pressi dell’aeroporto Arlanda di Stoccolma, in Svezia.

Dopo decenni di onorato servizio gli aerei di linea sono venduti come ferri vecchi oppure finiscono la loro vita abbandonati nel nulla in qualche deserto dell’Arizona. A commuoversi di fronte a quel bestione con le ali, ma soprattutto fiutando un potenziale affare, un imprenditore svedese, Oscar Dios, che si è lanciato nell’avventura di trasformare il velivolo in un ostello.

La ristrutturazione è stata profonda: eliminati i sedili, sterilizzato l’ambiente ed ecco che la fusoliera del Boeing si è trasformata poco a poco in 25 cabine, doppie o quadruple con letto a castello, matrimoniali standard e tre suite, e una capienza totale di 85 persone. Nell’ostello-aereo c’è posto anche per una vera suite, ubicata – noblesse oblige – nell’ex cabina di pilotaggio e che ha una vista straordianria sulla pista d’aterraggio. Le varie stanze sono equipaggiate con la televisione dove è possibile guardare, oltre ai vari canali, tutti gli orari dei voli. In fondo al corridoio c’è – purtroppo – un bagno in comune mentre alcune stanze ne saranno munite. L’ostello con le ali ha previsto per i più golosi o gli insonni un bar al secondo livello dell’aereo. I prezzi partono da 53 euro a persona nella cabina doppia fino a un massimo di 200 euro nella suite con bagno, Tv e Wi-Fi e un cielo di nuvole alle pareti, così da far sembrare che si stia volando.

Un albergo con le ali: ecco il Boeing che diventa ostello