Nel Salento c’è un parco dove si dorme in un nido, sotto le stelle

Nel Parco dei Paduli, i visitatori possono alloggiare in spettacolari nidi d'artista. Un vero e proprio albergo a cielo aperto immerso in un uliveto secolare

nido-parco

Fonte: Facebook

Dormire sotto le stelle, in un luogo intriso di magia. Succede nel suggestivo Parco dei Paduli, nel cuore del Salento, in provincia di Lecce, in un’area rurale occupata da un vasto uliveto secolare di 5500 ettari.

Il parco agricolo multifunzionale mette a disposizione dei visitatori caratteristici e spettacolari alloggi a cielo aperto, offrendo l’occasione di trascorrere una vacanza completamente immersi nella natura, nello splendido paesaggio compreso tra il mare Adriatico e lo Ionio.

Dormire in nidi d’artista

Nato nel 2011, il progetto “Abitare i Paduli“, si pone come obiettivo quello di sperimentare nuove forme di turismo eco-sostenibile a supporto del settore agricolo. Tra i servizi offerti, quello più esclusivo è l’esperimento di Land Art “Nidificare i Paduli”, che ha permesso di trasformare un uliveto in un albergo a cielo aperto.

Gli ospiti del Parco dei Paduli avranno infatti la possibilità di soggiornare in veri e propri “nidi d’artista” allestiti all’interno di una campagna di proprietà pubblica nel territorio di San Cassiano. Si tratta di splendidi rifugi biodegradabili realizzati con materiali utilizzati in olivicoltura, come le reti per la raccolta delle olive, ma anche canne di bambù intrecciate.
Al termine di un’escursione all’interno del parco, tra uliveti secolari, canali e file di muretti a secco, i visitatori avranno la possibilità di dormire sotto il cielo stellato della Puglia, sperimentando un’esperienza turistica totalmente a contatto con l’aria e i profumi del parco.

Abitare i Paduli

In un territorio in cui la dimensione ambientale si incrocia con quella architettonica e agricola, gli ospiti sono accompagnati nella scoperta del parco da un’audioguida, frutto di un lavoro di ricerca, testimonianze e interviste dei residenti e degli esperti.

Per conoscere a fondo i Paduli, non poteva mancare un viaggio nei sapori autentici e genuini della cultura contadina che ha sempre dominato quest’area. Il visitatore viene guidato in un ricettario ideale, tramandato dalla cultura popolare e slow, legata agli elementi della terra e ai riti scanditi dalle stagioni.

Abitare i Paduli realizza anche una serie di prodotti che mirano alla valorizzazione del territorio ed eventi di degustazione dell‘olio extravergine “Terre dei Paduli”. L’olio è l’elemento centrale di rassegne locali, organizzate periodicamente nei comuni interessati dal progetto: San Cassiano, Botrugno, Nociglia, Surano, Giuggianello, Scorrano, Muro Leccese, Supersano, Sanarica e Maglie.

Nel Salento c’è un parco dove si dorme in un nido, sotto le&nbs...