Meteo: temperature in picchiata e neve abbondante al Sud

Al Nord è molto più forte il gelo che non la neve e sui rilievi soffiano venti molto forti

Temperature in picchiata con minime polari, prima neve in Alto Adige e abbondanti nevicate sul settore adriatico centrale e soprattutto al Sud, in particolare in Abruzzo e in Puglia.

Pare che il tanto atteso inverno sia proprio arrivato. Al Nord è molto più forte il gelo che non la neve e sui rilievi soffiano venti molto forti.

Nel Veneto si è verificato il fenomeno dell’inversione termica: più freddo in pianura (dove le minime sono diminuite di 2-6 gradi) che sui monti (le temperature sono aumentate di 4-7 gradi in quota).

A Dolina Campoluzzo (a 1.770 metri di altitudine), detta anche Siberia italiana, sull’altopiano di Asiago, è stata segnata la temperatura più bassa con -19°C, seguita da Passo Cimabanche e Piana di Marcesina -15°C. Certo, mai basse quanto quelle che si stanno registrando nell’Est Europa. A San Pietroburgo, per esempio, si sono toccati i -42°C.

Le correnti gelide determineranno temperature minime fino a -10°C al Nord, -27°C sulle Alpi. Al Centro-Sud i termometri raggiungeranno i -5°C in pianura e anche a Roma.

Neve anche a quote collinari fin sulle coste adriatiche. Al Sud sono attese le precipitazioni nevose più intense, con qualche fiocco di neve persino a Napoli.

Nevicate abbondanti anche su tutte le regioni meridionali, compresa la pianura e le zone costiere di Molise, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia settentrionale. Le immagini di Matera imbiancata stanno facendo il giro della rete.

Stesse condizioni anche per sabato 7 gennaio: molto nuvoloso sulla Liguria e sul basso Piemonte, con precipitazioni che assumeranno carattere nevoso a quote collinari.

Per domenica sono previste ampie schiarite al Nord, tempo variabile in Sardegna, generale miglioramento nel Meridione ma possibile neve ancora in Puglia e pioggia in Sicilia.

Meteo: temperature in picchiata e neve abbondante al Sud