Mai più bagaglio smarrito: oggi per ritrovarlo c’è il gps

Addio valigie perse: adesso con il gps track è possibile monitorarle

Lo smarrimento del bagaglio è l’incubo di molti viaggiatori, che tutte le volte che attendono l’arrivo della propria valigia all’aeroporto rabbrividiscono di ansia e possono tirare un sospiro di sollievo solo una volta che lo vedono comparire all’orizzonte, sballottato sul tapis roulant.

Se i bagagli vengono smarriti in effetti il viaggiatore si trova di fronte a un problema fastidioso, soprattutto per chi in programma un viaggio itinerante e per cui è piuttosto complicato rientrare a breve in possesso dei propri averi stipati nella valigia.

Oggi per fortuna a venire in aiuto di chi viaggia in aereo c’è la tecnologia gps e cominciano a comparire in commercio apparecchi che effettuano il tracking del bagaglio, o addirittura valigie con il tack gps incorporato. La prima soluzione è la più economica ed è in vendita su Amazon: si chiama Trakdot ed è un apparecchio da inserire in valigia che ne localizza la posizione e la condivide con il proprietario, oltre a inviare un sms a una email all’arrivo del bagaglio . Il prezzo si aggira sugli 85 euro, a cui va aggiunto un abbonamento di 19,99 dollari per gli anni successivi al primo di utilizzo.

Un’altra soluzione è Bluesmart, una vera e propria valigia intelligente che vi permette oltre che la sua localizzazione a distanza, anche di chiuderla e di pesarla tramite un’app. È disponibile in due versioni, in vendita online: quella basic costa 449 dollari, quella premium 599.

Infine sta per uscire sul mercato Rimowa Electronic Tag, una valigia tramite cui è possibile effettuare il check-in del bagaglio da casa in viaggio. Le informazioni del bagaglio vengono trasmesse tramite Bluetooth all’Electronic Tag, il quale visualizza tutte le informazioni e le trasmette alla compagnia aerea, che inizialmente sarà -in esclusiva- Lufthansa.

Mai più bagaglio smarrito: oggi per ritrovarlo c’è il gps