Un’eco lunga 11 sillabe: succede solo in due posti al mondo. Uno è in Italia

Lo straordinario fenomeno dell'eco endecasillabo si verifica a Graglia, nel Biellese, in un punto preciso del sentiero che porta al Santuario

Quanto può essere lunga un’eco? Fino a undici sillabe! Questo rarissimo quanto straordinario fenomeno si verifica solo in due parti del mondo: nel Gran Canyon e da noi, in Italia, precisamente a Graglia, un piccolo paese in provincia di Biella.

Chi si avventura per il sentiero  del Cammino di San Carlo, che parte dal Santuario mariano, potrà sperimentare la magia dell’eco endecasillabo, uno dei fenomeni acustici più antichi e affascinanti di sempre. Basterà raggiungere un punto preciso del Sacro Monte, segnalato dalla Pro Loco, dove, in presenza delle condizioni climatiche ideali, si ha il privilegio di riprodurre il fenomeno di un’eco acustica talmente limpida e precisa, da poter gridare delle parole costituite anche da undici sillabe.

Conosciuta ed esaminata già dagli studiosi del Settecento, la rara risonanza è da sempre una peculiarità di Graglia. Una volta giunti sulla piccola balconata che affaccia sulla valle, situata dietro il Grand Hotel, si dovrà gridare la parola prescelta in direzione del Santuario. Stando a quanto hanno dichiarato gli esperti, il fenomeno sarebbe dovuto a un effetto della rifrazione delle onde sonore sul complesso monumentale. Ma per avere il ritorno “record” è necessario assicurarsi che ci siano condizioni climatiche e ambientali particolarmente favorevoli.

Il Sacro Monte di Graglia è una delle località prealpine più ambite dagli amanti delle escursioni. Svetta all’ombra della Colma di Mombarone, quasi al confine con la Valle d’Aosta, e ospita il celebre Santuario dedicato alla Madonna Nera, meta di pellegrinaggio e parte di quel sistema di complessi devozionali prealpini che caratterizzarono la religiosità popolare mariana e cristiana, diffusasi tra il Piemonte e Lombardia a partire dal XVI secolo.

Stando ad un’antica usanza del luogo, una volta costruito il Santuario, chi aveva ricevuto la grazia doveva salire in collina e gridare la sua gioia al cielo. È stato proprio con quel gesto di fede che si è scoperto la straordinaria portata dell’eco, diventata ormai celebre. Tanto che un semplice grazie è diventato persino troppo breve. Le sillabe che possono essere ripetute in quel punto preciso del sentiero sono addirittura 11! Una parola lunga quanto “pre-ci-pi-te-vo-lis-si-me-vol-men-te”.

Un’eco lunga 11 sillabe: succede solo in due posti al mondo. Uno...