Croazia: dall’anno prossimo le vacanze costeranno di più

In Croazia l'Iva passerà dal 13 al 25% a partire dall’1 gennaio 2017 e sarà colpito il settore del turismo

Se state già pensando alle vacanze della prossima estate, questa notizia potrebbe toccarvi da vicino. Se la vostra meta è la Croazia, dovete sapere che l’anno prossimo vi costerà di più: fino al 25% in più. E non sono briciole.

In Croazia, infatti, l’aumento dell’Iva passerà dal 13 al 25% a partire dall’1 gennaio 2017 e toccherà in modo specifico tutti coloro che lavorano nel turismo, specialmente in Istria e Dalmazia.

È quanto si ripromette di fare il governo croato, nonostante le proteste degli albergatori e dei ristoratori, per via della crisi. E poiché per la Croazia il turismo è una fonte economica importantissima, ecco dove andranno a prendere i soldi per riempire le casse statali.

Le belle spiagge della Croazia, dunque, l’estate prossima costeranno di più. In alcune località già divenute più care rispetto agli Anni ’90 si potrebbe spendere come in una vacanza in Sardegna o nel Salento (la scorsa estate i prezzi di questa zona Puglia superavano quelli dell’isola).

La Croazia continua a confermarsi una forte destinazione turistica, apprezzata da moltissimi italiani provenienti in particolare dal Nord. Offre moltissimo nei mesi estivi, ma anche nel resto dell’anno.

Il nostro consiglio, quindi, è di prenotare la prossima vacanza entro la fine dell’anno, per riuscire a accaparrarvi le migliori offerte e prezzi ancora accessibili.

Croazia: dall’anno prossimo le vacanze costeranno di più