Che fine ha fatto l’orso? 5mila euro a chi dà sue notizie

Secondo alcune indiscrezioni l’animale sarebbe addirittura stato ucciso

orso-bruno-1217-tUna ricompensa di 5.000 euro sarà data a colui che fornirà indicazioni dettagliate e utili all’individuazione e alla condanna dei responsabili della sparizione dell’orso MV25, un bellissimo orso bruno che nella provincia di Sondrio ha sbranato diversi animali e terrorizzato i contadini.

La Lega anti vivisezione valtellinese vuole scoprire che fine ha fatto l’orso, del quale non si hanno più tracce ormai da mesi.

Alla sede di Sondrio sono pervenute indiscrezioni che portano a considerare l’uccisione dell’animale e pare che molte persone siano in possesso di informazioni utili a fare chiarezza sui motivi e sulle responsabilità legate alla sua sparizione. Già a ottobre 2015 gli allevatori erano insorti al grido: “Bisogna abbatterlo!”. Infatti c’era stato un precedente: nel Trentino un cercatore di funghi era stato ferito da un orso, così anche nella provincia di Sondrio c’era stata una levata di scudi contro questi animali considerati pericolosi per l’uomo.

La questione su chi abbia più diritto di girovagare per i boschi, se l’uomo o l’orso è molto dibattuta.

L’orso bruno è una specie protetta dalla Legge italiana 157/92 e la Convenzione di Berna lo inserisce tra le specie strettamente protette.

Che fine ha fatto l’orso? 5mila euro a chi dà sue notizie