Capri batte Cortina: qui il Capodanno è il più caro d’Italia

Nonostante la crisi, c’è chi per Capodanno non bada a spese e ha deciso di alloggiare in una delle più ambite e famose mete italiane

Nonostante la crisi, c’è chi per Capodanno non bada a spese e ha deciso di alloggiare in una delle più ambite e famose mete italiane.

Il portale CaseVacanza.it ha analizzato i prezzi medi per notte richiesti a San Silvestro nelle città turistiche italiane, scoprendo che in cima alla classifica delle destinazioni più costose del nostro Paese non c’è una località di montagna come si potrebbe pensare, bensì una delle destinazioni di mare per eccellenza: Capri, che si è aggiudicata il  primo premio come località regina del lusso. Qui il soggiorno costa, in media, 113 euro a notte a persona. Un appartamento per quattro persone per 2 notti costa circa 900 euro.

Se la prima posizione appartiene a uno dei simboli del turismo di lusso del nostro Paese, anche la seconda posizione è occupata da una meta che, per tradizione, si associa a un San Silvestro decisamente lussuoso: a Cortina d’Ampezzo l’affitto di una casa vacanza richiede mediamente una spesa di 111 euro a persona a notte.

Il terzo posto è riservato a una delle località più rinomate delle Dolomiti: Selva di Val Gardena, un delizioso paese di montagna tipico dell’Alto Adige. Qui l’affitto di una casa vacanza in cui trascorrere l’ultimo dell’anno costa 92 euro a persona a notte, che si traducono in una spesa media di 735 euro per 2 notti per quattro persone.

Selva non è l’unica località della provincia di Bolzano a essere presente in classifica: all’11° posto troviamo anche Ortisei, che ha un prezzo medio di 71 euro a notte a persona (570 euro un soggiorno minimo).

Tra il mare e la montagna non poteva mancare il lago, quello di Garda in primis, tra le destinazioni più costose d’Italia: quarta località nella classifica è Toscolano-Maderno, sulla sponda bresciana. Qui l’offerta ha una media che ammonta a 86 euro per notte a persona.

Spostandosi di poco, ma sempre in provincia di Brescia, c’è Temù, una località nell’alta Val Camonica, vicinissima alle piste di Ponte di Legno, che occupa la posizione numero otto, con un prezzo medio di 75 euro. Un mini-soggiorno per 4 persone costa circa 600 euro.

Anche la nona, la decima e la dodicesima posizione sono occupate da altre località della Lombardia, tutte nella provincia di Sondrio e vicinissime tra loro: sono Valdidentro (con un prezzo di 73 euro per notte a persona), Bormio e Livigno (72 euro per entrambe). Bormio, in particolare, è presente anche nella classifica delle destinazioni più prenotate per i giorni di Capodanno; vale lo stesso per Verona, per la quale i prezzi si fanno più contenuti: un soggiorno di due notti in quattro persone costa circa 500 euro.

Meno scontati ma con prezzi decisamente elevati anche i comuni di Alba (76 euro a notte a persona, con un soggiorno medio che costa quindi circa 600 euro) e Pescocostanzo, sede dell’omonima stazione sciistica in provincia dell’Aquila (67 euro).

Capri batte Cortina: qui il Capodanno è il più caro d’Ita...