Viaggio a Bled, una città incantata tra le Alpi Giulie

Cosa vedere a Bled, località incantata al centro di un suggestivo lago alpino dove si ha l’impressione di entrare in una fiaba

Bled, conosciuta in italiano come Bleda e Vledes in tedesco, è una meravigliosa cittadina della Slovenia nord occidentale tra la prima cintura delle Alpi Giulie, ad appena 10 chilometri dal confine austriaco, molto nota per la sua suggestiva posizione al centro di un lago e l’ambiente circostante che sembra la manifestazione di una fiaba d’altri tempi.

Fondata più di mille anni fa attorno al lago glaciale di Bled, il centro abitato ha avuto un grande sviluppo turistico negli ultimi decenni che ha trasformato il borgo antico in una meta raggiunta ogni anno da migliaia di vacanzieri, soprattutto da Germania e Italia, che accorrono per visitare gli incantevoli edifici e le pittoresche sponde del lago. La località è facilmente raggiungibile anche in auto dal nostro Paese; prima di partire, informatevi sulle regole per viaggiare in autostrada.

In questa guida scopriremo le principali attrazioni che si possono ammirare nella città incantata tra le Alpi Giulie.

La prima meta da visitare a Bled è il suo suggestivo lago, che offre numerose attività per poterlo ammirare da ogni punto di vista. Infatti, si può percorrere il sentiero panoramico, noleggiare una barca a remi, solcare le sue placide acque e, durante l’inverno, è persino possibile pattinare sulla superficie ghiacciata. Per gli amanti della mountain bike è presente uno spettacolare percorso appositamente realizzato che permette di arrivare fino al monte Grajski grič dove la vista sul lago è davvero meravigliosa.

Al centro del lago di trova l’Isola di Bled, un affioramento roccioso al centro dello specchio d’acqua, dove sorge uno degli edifici più celebri della regione, la chiesa di Santa Maria Assunta, in cima ad una scalinata di 99 gradini. La chiesa è un perfetto esempio di architettura gotica slovena; al suo interno si possono ammirare dei meravigliosi affreschi della seconda metà del 1400 e la celebre “campana dei desideri”, una campana di bronzo del 1534 che la leggenda vuole mandata dal Papa in onore di una devota vedova, Polissena, che esaudisce un desiderio di chi la riesca a far rintoccare.

Un’altra leggenda narra che sull’isola si trovava il tempio della dea slava dell’amore Ziva e che la chiesa venne costruita dopo una lunga lotta tra cristiani e pagani per conquistare l’amore di Bogomilla, una principessa pagana che si convertì al cristianesimo. Prima di lasciare l’isola non si deve dimenticare di salire fino in cima all’altro campanile, che dai suoi oltre 50 metri d’altezza offre una bella vista del lago e dei boschi sulle sue rive.

L’altra importante attrazione di Bled è il suo imponente castello, arroccato a più di 600 metri di altitudine sulla cima di una collina appena oltre il lago, che da più di mille anni domina l’intera vallata. Il castello odierno è il frutto di una lunga serie di restauri e lavori di ristrutturazione che interessarono gli edifici più antichi, pesantemente danneggiati da un terremoto nel corso del 1700. Nelle sue sale si possono ammirare alcune interessanti mostre d’arte che a rotazione vengono organizzate dall’amministrazione di Bled e il museo di archeologia che permette di conoscere la storia più antica di Bled grazie ad una ricca collezione di reperti scoperti nell’area del lago e nei dintorni.

Uno dei momenti più suggestivi per una visita al castello è durante la stagione estiva, quando viene organizzato il festival medievale che popola la corte all’interno delle mura di figuranti in costume, artigiani tradizionali, falconieri, arcieri, cavalieri in armatura e dame che rendono davvero indimenticabile l’atmosfera di questa fortezza sul lago.

Chi preferisce il relax e la cura del corpo troverà un luogo perfetto per ogni suo desiderio tra terme, spa e centri benessere collegati alle famose terme del lago di Bled. Questa stazione termale era una delle più antiche e conosciute dell’area del nord ovest della Slovenia e solo negli ultimi anni le fonti termali sono state collegate direttamente alle piscine e ai centri benessere dei lussuosi alberghi che sono sorti con l’aumento del flusso turistico.

La zona più vicina al centro urbano di Bled, sulle sponde del lago, è ricca di monumenti e percorsi storici dedicati a poeti e scienziati sloveni che hanno reso celebre questa località, come il matematico Josip Plemelj e il letterato France Prešeren, che ha dedicato buona parte della sua vita a studiare e divulgare le storie, i canti e le tradizioni orali della ricca tradizione culturale di Bled.

Rimanendo sempre nel centro storico si possono ammirare le particolari stradine e gli edifici tipici dei villaggi delle Alpi Giulie Slovene che fanno da contraltare ad un ambiente naturale suggestivo e incontaminato. Per chi ama l’arte contemporanea, Bled offre anche alcune interessanti gallerie d’arte, come la famosa Galleria 14, che espone molte opere e organizza numerose mostre di artisti, fotografi e illustratori sloveni e di tutta l’area balcanica.

Infine, Bled è anche una meta perfetta per escursioni e gite all’aria aperta nei maestosi boschi che ricoprono l’intera area del lago e dei monti circostanti. Uno dei luoghi più suggestivi da visitare è il bel Parco nazionale di Triglav, che copre un’area pari al 4% dell’intera superficie della Slovenia e offre alcuni dei paesaggi naturali più incredibili di tutta l’area delle Alpi Giulie, tra natura incontaminata e maestosi picchi montani.

All’interno del parco si possono scoprire gli ambienti naturali. che in passato erano diffusi in tutta la zona alpina e che oggi si sono ridotti a causa dell’urbanizzazione, e molti esempi della magnifica fauna che popola queste aree montane come gli stambecchi, le marmotte e i grifoni. Oltre all’interesse naturalistico, il parco di Triglav è una meta perfetta per gli sportivi: qui infatti si possono praticare escursionismo, alpinismo, corsa, ciclismo, parapendio e volo con il deltaplano, sport acquatici, pesca, golf, davvero un’attività per tutti i gusti.

Viaggio a Bled, una città incantata tra le Alpi Giulie