Una passeggiata per Cartagena, il piccolo tesoro della Spagna

Cartagena è strettamente legata al mare e grazie al suo porto ha visto passare numore culture che hanno lasciato tracce da scoprire in tutta la città.

Situata nella comunità autonoma di Region de Murcia, Cartagena è una città di oltre 200.000 abitanti e il suo nome deriva dal nome latino Cartago Nova. Questa località marittima poco conosciuta viene annessa al regno di Castiglia dopo la conquista di Fernando III il Santo, che la sottrae alla dominazione araba e ha subito nei secoli alterne fortune. Vediamo insieme un itinerario che ci permetterà di scoprire i monumenti storici a testimonianza di questo passato mentre passeggiamo pigramente tra le vie del centro storico di Cartagena…

Dal porto potete ammirare il lungo viale parallelo alla Muralla del Mar, costruita per volontà di Carlo III nel XVIII secolo e che delimita il centro storico di Cartagena. Proseguendo, vi troverete davanti a due imponenti sculture: El Zulo alta ben 5 metri realizzata per commemorare le vittime del terrorismo e la Cola de Ballena, che rappresenta proprio la coda di questo animale e che potrete ammirare mentre compare nelle acque davanti alla darsena di botes del Muelle. Continuando la vostra passeggiata arriverete al Museo Naval di Cartagena dove sono esposti modellini di navi, carte nautiche e vari strumenti di bordo, ma soprattutto il primo sottomarino della storia costruito nel 1888 da Isaac Peral e che farà la gioia dei vostri bambini. A ridosso delle mura della Muralla del Mar si trova anche l’arsenale militare, sulle cui mura è situata la porta d’ingresso alla città.

All’ingresso del centro storico di Cartagena troverete il Palazzo Municipale, esempio di architettura modernista e che vanta al suo interno grandi scalinate e quadri che lo abbelliscono. Se lo desiderate, potrete conoscere meglio il palazzo tramite un percorso guidato dove vi verranno narrati anche episodi della storia della città. Proseguendo verso il Parco Torres potrete ammirare la chiesa più antica di Cartagena, ovvero la Cattedrale de Santa Maria la Vieja, e il Castello di San Felipe che sorge su di una collina dallo spettacolare panorama e che un tempo era usato come fortezza. Cartagena è una città ricca di bellezze archeologiche e una testimonianza della meravigliosa architettura romana sono sicuramente le rovine dell’Anfiteatro del I secolo a.C. che si trova nella Plaza Condesa de Peralta e che aveva una capacità di 6.000 persone.

Lasciando per un attimo il passato, un altro luogo da non perdere è la Calle Mayor, la via che porta alla parte modernista della città. Questa è la via principale di Cartagena e ospita numerosi bar e ristoranti in cui assaggiare le tipiche “tapas” oltre a negozi per comprare qualche delizioso souvenir mentre passeggiate ammirando le Case Cervantes e Llagostera. La prima è stata costruita nel 1900 ed è una dei primi edifici realizzati in questo particolare stile, decorata con rilievi in bronzo e lavori in ferro è caratterizzata dal suo belvedere. La seconda vanta, invece, una facciata rivestita di ceramica con figure che rappresentano Mercurio e Minerva.

Il vostro viaggio nel centro di Cartagena si conclude in Plaza del ayuntamiento y de los heroes de cavite dove vi accoglieranno due monumenti importanti della città ovvero il Marinero de Reemplazo e il Monumento a los héroes de Cavite realizzato in seguito al conflitto tra Spagna e Stati Uniti del 1898.

Se volete concedervi una pausa e assaggiare qualche prelibatezza gastronomica di Cartagena non mancano di certo i buoni ristoranti, in cui ordinare il caldero, un risotto in brodo con pesce accompagnato dall’alioli, la tipica maionese insaporita con aglio, ma anche la squisita paella o il pane di fichi. E per finire in bellezza il pasto, ecco il caffè asiatico, che prevede caffè, latte condensato, cognac, cannella e liquore!

Cartagena è anche una città di mare quindi se scegliete di visitarla nei mesi più caldi non potete non concedervi una sosta sulla spiaggia di Cala Cortina, raggiungibile in dieci minuti di autobus dal centro, mentre se desiderate organizzare una gita fuori città, a soli 30 chilometri da Cartagena potrete raggiungere la penisola di Cabo de Palos con il suo litorale fatto di calette bagnate dal mare cristallino. A circa due miglia e mezzo dalla costa si trova, invece l’isola Hormiga che rappresenta una delle vere attrattive della zona di Cartagena soprattutto grazie alla la bellezza della natura e ai suoi fondali incontaminati. Qui è possibile effettuare immersioni subacquee meravigliose per ammirare non solo coralli e fauna marina, ma addirittura resti di navi affondate che incuriosiranno di sicuro gli appassionati del genere.

Una passeggiata per Cartagena, il piccolo tesoro della Spagna