Glasgow: cosa vedere in un weekend

Glasgow in un weekend: tra palazzi vittoriani e quartieri operai

Glasgow, la città più grande della Scozia, spesso viene definita come un’esempio di modernità, nonostante sia ricca di storia e di tesori del passato. Nata da un piccolo centro mercantile lungo il fiume Clyde, nel corso dei secoli si è trasformata in uno dei più importanti porti del mondo.

Il centro storico si sviluppa intorno a George Square, piazza in stile vittoriano, dominata dal maestoso palazzo delle City Chambers. Gran parte del centro è costituito dalla Merchant City, un fitto reticolo di strade un tempo destinate ad abitazioni popolari, oggi trasformata nella zona più in della città, luogo dello shopping e dei caffè alla moda. Sempre in centro si trova la Gallery of Modern Art, una delle più provocatorie gallerie della Gran Bretagna, e la Lighthouse, esposizione dedicata alle migliori opere architettoniche e di design della nazione.

Glasgow, però, conserva un forte spirito operaio, testimoniato dal suo quartiere più antico: l’East End. Qui tra locali multietnici e mercati popolari, si trovano il Museum of Piping, promotore del festival internazionale della cornamusa, la Cattedrale in pietra nera, splendido esempio di arte medievale, la Tenements House, appartamento al cui interno è ricostruito con oggetti e arredi originali un momento di vita del XX secolo, e il People’s Palace museo che immortale lo spirito industrioso, arguto ed estroso dei cittadini di Glasgow.

Dalla parte opposta, il West End, invece, è da sempre il quartiere residenziale, in passato abitato esclusivamente dagli esponenti della borghesia mercantile della città. Oggi ospita l’Università con la sua torre alta 45 m da cui godere di una vista mozzafiato su Glasgow e numerosi pub, caffè e negozi d’ogni tipo. Due le attrazioni principali di questa zona: la Kelvingrove Art Gallery, ospitata all’interno di un fiabesco edificio a mattoni rossi costruito in occasione dell’Esposizione Universale del 1888, oggi contente collezioni d’arte e esposizioni dedicate alla storia locale, e il Botanic Garden, orto botanico famoso per la Kibble Palace, una magnifica serra trasportata qui nel 1883 per via fluviale dalle rive del Loch Long.

Per cogliere a pieno lo spirito della città, infine, è possibile fare una passeggiata per le vie del porto, nel Clydeside, nel passato punta di diamante della cantieristica navale. Qui, per concludere la visita, si può gustare un caffè nel SECC, un caratteristico locale ricavato all’interno di una vecchia darsena.

 

Glasgow: cosa vedere in un weekend