Destinazione Stoccolma: il fascino della Venezia del Nord

Cosa fare a Stoccolma, tra natura, storia e mille attrazioni: il Palazzo Reale e il museo di arte contemporanea, le tradizioni locali e lo shopping vintage.

Stoccolma, nobile e regale, si adagia su 14 isole collegate tra loro da 57 ponti. È un’elegante, sorprendente città prossima all’acqua e affacciata sul suo bacino, là dove il lago Mälaren incontra il mar Baltico. Capitale della Svezia, Stoccolma è al tempo stesso nobile, austera ed accogliente e si è guadagnata con pieno merito il soprannome di “Venezia del nord”. In 20 minuti, con i trasporti pubblici si passa dal centro storico agli scorci selvaggi e alle spiagge incantate in una città dove natura e vita metropolitana vivono quasi in un idillio.

L’eleganza e il fascino di Stoccolma attirano l’interesse del visitatore tutto l’anno: in inverno, per i tradizionali mercatini di Natale e per vivere l’atmosfera di una città del nord Europa illuminata a festa; in estate, quando il sole è alto fino a sera si coglie tutta la frizzante energia di una capitale moderna e vivace. Inizia così il nostro piccolo tour di Stoccolma tra tradizioni e avanguardia, design e musica, buon cibo e shopping esclusivo di capi firmati e vintage. Il tutto con l’efficienza del suo sistema di mezzi pubblici e la facilità di spostarsi anche a piedi.

Si può cominciare da Gamla Stan, ovvero la città vecchia che si trova sull’isola di Stadsholmen, il cuore di Stoccolma. Il reticolo di piccole strade, tutte lastricate in pietra offre angoli pulsanti di negozi e boutique, chiese e palazzi storici in gran parte del XVIII e XIX secolo. Stortorget è la grande piazza del quartiere, il punto in cui nel Duecento ha avuto inizio l’urbanizzazione della città: qui ci sono le due case (una gialla e una rossa) più famose di Stoccolma.

A pochi passi di distanza c’è il Palazzo Reale, residenza ufficiale dei sovrani di Svezia, un edificio realizzato a fine Seicento su progetto di Nicodemus Tessin il Giovane dopo che un incendio ne aveva distrutto la struttura originaria e che fu influenzato dai disegni di Gian Lorenzo Bernini per l’ampliamento del Louvre e della facciata di palazzo Barberini a Roma. Il palazzo dei sovrani è pieno di armature, tesori, ambienti sotterranei. Il cambio della guardia si tiene per tre volte la settimana (ore 12.10) mentre in estate tutti i giorni. Non lontano dal Palazzo Reale, sull’isola di Helgeandsholmen, si trovano anche il Riksdag, il parlamento svedese e il Museo medievale. A Kungsholmen, invece, potrete visitare il Municipio cittadino dove vengono consegnati i premi Nobel.

Nella vicina isola di Skeppsholmen, di fronte a Palazzo Reale, c’è la sede del Moderna Museet, il Museo di Arte moderna di Stoccolma che, dal 1958, anno della sua apertura, presenta una delle collezioni d’arte del XX e XXI secolo più belle in assoluto. Le sue collezioni permanenti comprendono opere di Munch, Picasso, Dalì, De Chirico, Matisse e Duchamp. La pop art presenta lavori di Jean Tinguely, Niki de Saint Phalle e Robert Rauschenberg. La collezione fotografica raccoglie oltre 100 mila scatti.

Sull’isola di Djurgården fa capolino lo Skansen, che è il primo dei musei all’aperto e degli zoo svedesi, fondato nel 1891 da Artur Hazelius per preservare e mostrare i costumi della provincia, prima dell’era industriale. Sono 300.000 i metri quadrati di spazi a disposizione, tra parchi, giardini, abitazioni e fattorie tipiche di tutta la Svezia. Qui ci celebra la Midsommar, la festa del solstizio d’estate, ricca di eventi, concerti ed esibizioni di officine di artisti e panificatori locali.

Sulla stessa isola di Djurgården ci si sposta poi al Vasa Museet, il museo che presenta all’attenzione di visitatori e appassionati il Vasa, il maestoso vascello da guerra che affondò il 10 agosto 1628, pochi minuti dopo il suo varo, a causa delle sfortunate condizioni meteorologiche. Tornata alla luce soltanto nel 1961, la nave è tra le attrazioni più amate di Stoccolma, una specie di “macchina del tempo” capace fornire una pagina intatta di storia del XVII secolo, grazie alle sue sculture lignee e alle sue vele.

Da non perdere durante un tour di Stoccolma, è una visita a Sofo, acronimo di “South of Folkungagatan”, crogiolo di vie e viuzze colme di negozi vintage, bar e ristoranti nel quartiere bohémien di Södermalm, a sud della città. Ritrovo perfetto per i maniaci dello shopping offre dal design all’artigianato svedese, fino ai negozi di seconda mano colmi di buone occasioni. Il momento migliore per perdersi tra negozi di Sofo è nel weekend, tra le 12 e le 17.

Una delle gallerie d’arte più insolite e originali è quella che si rivela percorrendo i sotterranei della metropolitana di Stoccolma: la “Tunnelbana” che è lunga 110 chilometri e vanta alcune tra le più stazioni più belle e artistiche del mondo. Affreschi, neon, graffiti, decorazioni piastrellate e fermate simile a un’immensa caverna: la fantasia degli artisti non si è posta limiti e i risultati sono evidenti, a partire dalle fermate della Linea Blu del metrò.

Uscendo dal centro cittadino, l’arcipelago di Stoccolma è composto da quasi 30.000 isole. Le località più apprezzate sono Vaxholm, Sandhamn, Grinda e Mariefred, cittadina storica raggiungibile con un battello del 1903 in circa tre ore dal centro di Stoccolma. Tra le cose da fare a Stoccolma ci sono proprio gli originali giri in barca tra le isole, con cena inclusa, ma è possibile restare anche al Gröna Lund, il parco divertimenti sull’isola Djurgården, per trascorrere una delle tiepide, suggestive e lunghe sere dell’estate svedese.

Destinazione Stoccolma: il fascino della Venezia del Nord