Cosa vedere a Nizza, una gita nei dintorni della città

Girovagando per l'entroterra di Nizza: cosa vedere in una porzione di Costa Azzurra che nasconde luoghi di straordinaria bellezza e vanta una vivace vita culturale.

Nizza, la città maggiore della Costa Azzurra, è forse la meta turistica principale della regione, dove la maggior parte del turismo si concentra durante la stagione estiva. Appena fuori dal capoluogo si trovano molte località di impareggiabile fascino e bellezza, che in questa guida scopriremo come raggiungere per una gita nei dintorni della città.

A soli 15 chilometri dal centro di Nizza, in direzione nord-est, troverete lo spettacolare borgo medievale di Peillon, una cittadina di 1500 abitanti aggrappata su un possente sperone roccioso che domina l’intera valle. Questo piccolo borgo, che ha mantenuto il suo aspetto medievale con stradine selciate e le case in pietra, è un gioiello dell’entroterra nizzardo ed è un’importante meta sportiva poiché ogni anno moltissimi amanti del free climbing arrivano da tutto il mondo per sfidare lo strapiombo di roccia e arrampicarsi sulla rupe dove sorge il centro urbano.

In questa cittadina nei dintorni di Nizza troverete una piccola meraviglia artistica, la cappella della Madonna Addolorata dei Penitenti Bianchi che conserva gli spettacolari affreschi quattrocenteschi di Jean Canavesio. Prima di lasciare il borgo non perdetevi il locale centro informazioni sull’artigianato dove troverete molti manufatti intagliati in legno d’ulivo e la spettacolare vista sulla valle delle montagne Esterel, che potrete ammirare dalla terrazza antistante la chiesa della Trasfigurazione.

Proseguite ancora verso est fino alla cittadina di Sainte-Agnès, un elegante borgo dall’aspetto medievale a poca distanza da Nizza e dal Principato di Monaco. In questa piccola città, troverete un interessante connubio tra architetture medievali e stile liberty che rendono il centro storico molto suggestivo, mentre a poca distanza dalle case scoprirete le rovine dell’antico castello, un luogo magico e carico di storia che vale la pena visitare con tutta calma. Una delle particolarità di Sainte-Agnès è la roccaforte della linea Maginot, la linea difensiva costruita dalla Francia negli anni Trenta del Novecento – tra le due guerre mondiali – per difendersi da una possibile riorganizzazione della Germania; la roccaforte è ancora perfettamente conservata e completamente visitabile.

Le prossime interessanti mete si trovano nella zona ad ovest di Nizza, quindi è il momento di tornare sui vostri passi e cogliere l’occasione per percorrere la Grande Corniche, il principale corridoio che scandisce la Costa Azzurra e ammirare così gli spettacolari panorami che si incontrano lungo la strada.

La prima tappa è la cittadina di Biot, una tipica località del primo entroterra della Costa Azzurra non lontano da Nizza, famosa per la produzione di vetro e ceramica e per la presenza durante il Medioevo di un importante centro dei cavalieri templari e per il Museo Leger. Questo museo raccoglie molte opere del famosissimo artista francese Fernand Leger, uno dei più importanti esponenti delle avanguardie novecentesche e autore dei “balletti meccanici”, tra le prime sperimentazioni cinematografiche del cinema cubista. Una particolarità di questa cittadina è il forno comunale di proprietà pubblica dove i cittadini possono andare a cuocere il pane.

Proseguite l’itinerario dirigendovi a nord-est per arrivare a Vence, una bella città a forma di ferro di cavallo con viuzze di ciottoli e case di pietra. In una breve visita a questo centro non potete perdervi una capatina nel castello, dove spesso vengono organizzate mostre fotografiche, un giro attorno alle antiche mura urbane e, infine, uno sguardo alla Chapelle Matisse, realizzata e decorata nel 1947 da Henri Matisse – artista che trascorse molti anni della sua vita proprio tra Nizza e la Costa Azzurra – dove vale la pena entrare e ammirare le splendide ceramiche dipinte.

Ad appena 4 chilometri da Vence, troverete lo spettacolare borgo di Tourrettes-sur-Loup, dominato dal grande castello del XIII secolo e famoso per essere il borgo delle violette. In questo centro, infatti, da secoli viene coltivata una particolare specie di viola, utilizzata in molte ricette e per la preparazione di raffinati profumi Ogni anno viene celebrata la festa delle violette in onore del fiore che ha fatto la fortuna della città. A Tourrettes-sur-Loup potete visitare il castello, per scoprire la storia che dal Medioevo ha visto la crescita e lo sviluppo della città, e la bella chiesa romanica di san Gregorio e la sua magnifica facciata. Prima di ripartire per Nizza, raggiungete la terrazza panoramica nella parte alta della cittadina per ammirare il magnifico paesaggio della Costa Azzurra e il mare all’orizzonte.

Per concludere l’itinerario di questa gita nei dintorni di Nizza, dovrete proseguire verso ovest per arrivare al piccolissimo ma spettacolare villaggio di Gourdon, arroccato su una massiccia formazione rocciosa. Questo villaggio di appena 450 abitanti ha mantenuto l’aspetto rustico degli antichi paesini della Costa Azzurra grazie ad un continuo restauro che ha rimediato ai danni risalenti alla seconda guerra mondiale e alla ricostruzione delle vecchie case di pietra chiare insieme al castello medievale. Dalla piazza centrale del villaggio si può ammirare il meraviglioso panorama verso la costa, che all’imbrunire si accende con le luci delle città in lontananza creando un’atmosfera magica e romantica.

Mentre siete a Gourdon – prima di fare ritorno a Nizza – non dimenticate di visitare la chiesa romanica dedicata alla Vergine e il massiccio castello, edificato nel XII secolo e ricostruito più volte, che oggi ospita il museo storico medievale con una interessante collezione di armi antiche, alcune opere d’arte e persino un autoritratto di Rembrandt. Sulla terrazza del castello troverete un altro magnifico scorcio sulla pianura sottostante che arriva fino al mare.

Cosa vedere a Nizza, una gita nei dintorni della città