Cosa vedere in Brasile: documenti d’ingresso, mete e città da non perdere

Il Brasile è un Paese ricco di meraviglie naturali e umane e ci vorrà molto tempo per scoprirlo in tutto e per tutto. Nel caso, ecco qualche suggerimento

Il Brasile è un Paese tutto da scoprire, ricco di colori, cibi, usanze e stili. Per la maggior parte dei turisti occidentali rimane ancora oggi qualcosa di molto simili a un tabù. Un alone di mistero copre anche le tradizioni e i pericoli dell’immenso territorio brasiliano. Si crede, per esempio, che nella giungla del Brasile vi siano ancora le tribù primordiali dell’America latina, che non amano molto gli stranieri. Senza tralasciare i vari pericoli legati ai narcotrafficanti brasiliani, alla troppo poca cura delle forze dell’ordine per gli abitanti, passando per le famose in tutto il mondo favelas, ormai un’emblema di povertà e disperazione. Oltre a tutto ciò, però, il Paese verde dell’ordine e del progresso ospita dei luoghi molti belli, da vedere almeno una volta nell’intera vita. Essi sono la fusione della mente artificiale umana e quella ordinata, naturale.

Se si è giunti a Rio de Janeiro, per esempio, una buona idea potrebbe essere quella di salire sul Pan di Zucchero, una collina molto alta che sovrasta la città con la sua altezza e si erge sul mare. A detta di molti, da questo posto si può osservare uno dei panorami più belli dell’intero mondo. L’altezza della collina è di circa 400 metri ed è collegata con altre zone di Rio de Janeiro tramite una spettacolare funivia. Ovviamente, i viaggiatori vogliosi di ammirare lo spettacolo naturale dalla collina di Pan di Zucchero dovranno spendere un po’ (specialmente per pagare il trasporto in funivia), ma alla fine ne sarà sicuramente valsa la pena: la vista sulla costa marina e sulla città tra le mani del Cristo Redentore è unica. In cerca di meraviglie naturali, inoltre, si può arrivare presso Trancoso.

Che cosa è Trancoso? Si tratta di un piccolo villaggio situato nello stato di Bahia, diviso dal resto del mondo e per questo mantenutosi puro nel corso degli anni. Tra il 1960 e il 1970, era un’importante meta per gli hippies di tutto il mondo, che qui cercavano la pace interiore e la perfetta fusione con la natura circostante. La natura primordiale, ancora non inquinata da innovazioni tecnologiche, permette ai viaggiatori di percepire un’aura di pace unica nel suo genere. Al centro di Trancoso, inoltre, si può vedere il famoso “quadrado” brasiliano: una piazzetta con chiesa e varie abitazioni, al centro della quale ci sono sempre vari ragazzini che giocano a calcio. Tuttavia, anche questo luogo non è così spettacolare come il Parco Nazionale dei Lençóis Maranhenses, che sorge vicino alle Barreirinhas. Uno dei più belli del mondo, questo parco ospita dune, fiumi, spiagge, distese d’acqua, vegetazione tropicale e quant’altro.

I paesaggi contenuti in questo Parco Nazionale mutano a seconda della forza e dalla direzione del vento: le dune di sabbia si spostano, si modificano, cambiano conformazione e così via. Si tratta di un vero e proprio deserto, nel quale colpisce a maggior ragione la grande presenza d’acqua. Vari curiosi laghetti di diverse dimensioni sono visibili in mezzo alla sabbia. Non molto lontano dal parco si trova la cittadina di Paraty, una di quelle che, per forza di varie cause, è rimasta inalterata dal XIX secolo. Qui si possono vedere le costruzioni coloniali, mangiare del cibo che si mangiava all’epoca e visitare persino le varie spiagge vicine. È sicuramente un’esperienza da svolgere.

Al confine con l’Argentina, poi, si possono vedere le cascate dell’Ignazù. Vere e proprie meraviglie naturali alte più di 70 metri d’altezza, oltre a portare un’atmosfera di calma e serenità, ospita anche varie leggende sulla creazione delle cascate stesse. Recandosi presso le più famose cascate brasiliane, si potrebbe anche prendere in considerazione l’idea di fare un bagno nel laghetto sottostante. Chissà che non porti fortuna! Tra gli altri posti da visitare, spicca la spiaggia del Porto de Galinhas. Questo luogo è stato votato come la miglior spiaggia del Brasile per 8 volte di seguito. Vi sono diversi percorsi naturalistici da svolgere al calare della sera e litorali in grado di catturare l’attenzione e i cuori dei viaggiatori. Se, invece, si è appassionati di animali e di diversità naturali, la destinazione perfetta sarà all’arcipelago Fernando de Noronha, un vero e proprio parco naturale con tanto di tartarughe, delfini, albatros e molti altri animali.

Qualora qualcuno volesse visitare la città di Olinda, non verrebbe deluso. Da poco è entrata a far parte del Patrimonio MOndiale dell’Umanità UNESCO, giacché il suo centro storico è davvero meraviglioso. I vari edifici brasiliani, si mescolano con le chiese costruite in stile barocco spagnolo e rococò. In alternativa si può andare a Maragogi, dove usufruire delle bellissime spiagge dello stato di Alagoas. Si dice che al calare del sole i coralli della spiaggia riflettano una luce rosastra. Un’altra leggenda afferma che qui è stato sepolto il tesoro dei pirati caraibici. Sarà vero? Infine, si consiglia di dare un’occhiata anche alla spiaggia Bùzios, la meta preferita dai surfisti che amano le onde alte.

Cosa vedere in Brasile: documenti d’ingresso, mete e città da n...