Cosa vedere nella capitale del Vietnam, la divina Hanoi

Alla scoperta della capitale del Vietnam, a spasso nel centro storico e tra i monumenti simbolo di questa antica città

La capitale del Vietnam è una città moderna e dinamica. In seguito alla crescita economica la città di Hanoi si è notevolmente sviluppata e ha modificato il caratteristico paesaggio urbano vietnamita. La capitale del Vietnam si trova nella regione settentrionale del Paese e sorge sulle sponde occidentali del Fiume Rosso, che sfocia dopo circa 150 chilometri nel vicino Mar Cinese Meridionale.

Hanoi è la capitale del Vietnam fin dalla sua riunificazione, avvenuta nel 1976. Precedentemente era stata la capitale del Vietnam del Nord, in opposizione alla città di Saigon, la capitale del Vietnam del Sud. Il Vietnam è oggi una Repubblica Socialista e negli ultimi decenni ha intrapreso nuovamente relazioni diplomatiche e commerciali con diversi Paesi, tra cui gli Stati Uniti.

La scoperta della città parte dal centro storico, il quartiere più caratteristico di Hanoi. Il dedalo di stradine affollate vi catturerà con i suoi profumi e i suoi colori. Anticamente ogni strada ospitava negozi e locali specializzati nella stessa merce, e da questo commercio derivava il nome della via. Oggi di questa divisione è rimasto solo il nome delle vie: i negozi e le bancarelle sono tantissimi e i venditori si presentano offrendo ai passanti i loro numerosi prodotti. Qui potrete trovare negozi che vendono seta, o gioielli, ma anche falegnamerie e fabbri, e naturalmente numerosi locali dove gustare i piatti tipici.

Questo antico quartiere si trova vicino al lago Hoan Kiem e lo circonda a nord e a ovest. Il lago costituisce una delle principali attrazioni della capitale del Vietnam. La sua fama è anche legata alla leggenda che avvolge le sue acque di mistero. Si narra infatti che il re guerriero Thai To avesse avuto in dono dal Dio Tartaruga una spada con cui sconfisse i nemici. Ottenuta l’indipendenza del Paese, una tartaruga gigante emerse dalle acque del lago e chiese al re di restituire la spada al proprietario, Thai To la lanciò nel lago e l’animale sacro lo prese inabissandosi nuovamente nelle acque profonde. Da quel giorno il lago fu chiamato “lago della spada restituita”.

Su una piccola isola del lago si trova il Tempio Ngoc Son, raggiungibile attraversando un caratteristico ponte rosso. Il Tempio della Montagna di Giada è una delle mete da non perdere nella capitale del Vietnam. I turisti vengono fin qui non solo per ammirare il simbolo di un’antichissima tradizione, ma anche per le rappresentazioni della tartaruga gigante, simbolo di Hanoi.

La capitale del Vietnam è anche chiamata la città dei laghi, per l’abbondanza dei bacini naturali presenti nella regione. Oltre al già citato lago Hoan Kiem, sono noti ai turisti anche il grande lago Ho Tay e il lago Bay Mau, situato all’interno del Parco Thong Nhat. Il lago Ho Tay è il più vasto ed è il luogo ideale per rilassarsi, lungo le sponde è possibile andare in bicicletta, praticare jogging o semplicemente passeggiare ammirando il paesaggio. In questa parte della città si trovano molti templi buddisti.

Vicino al giardino botanico, a sud del lago Ho Tay si trova Chùa Một Cột, la famosa pagoda costruita su di un solo pilastro voluta dall’imperatore Ly Thai Tong. Anche questo edificio ha una lunga storia che sfocia nel mito: infatti il tempio fu costruito come segno di gratitudine per l’attesa nascita di un figlio. La particolare forma deriva invece da un sogno dell’imperatore che volle far assomigliare il tempio ad un fiore di loro, simbolo di purezza. La pagoda costruita nel XI secolo fu distrutta nel 1954, fu successivamente riedificata e oggi è uno dei templi più visitati della capitale del Vietnam.

Nelle vicinanze di trova il Mausoleo di Ho Chi Minh, il monumento funebre che custodisce il corpo del leader vietnamita Ho Chi Minh. Il mausoleo si trova nella piazza Ba Ðình dove, nel 1945, Ho fece la dichiarazione di indipendenza. L’edificio si ispira al Mausoleo di Lenin costruito a Mosca, ed è caratterizzato dall’uso del granito grigio alternato a pietre di diverso colore, principalmente nere, rosse e grigie.

Il Museo di Ho Chi Minh offre una dettagliata narrazione della biografia del leader vietnamita, oltre alle foto e ai documenti storici sono presenti installazioni artistiche critiche verso il capitalismo.

Una delle altre principali attrazioni della capitale del Vietnam è Vàn Miếu, il Tempio della Letteratura. Costruito nel XI secolo dal re Ly Thanh Tong, il tempio fu la sede della più antica università del Vietnam. Qui furono educati principi, nobili, ma anche studenti particolarmente brillanti provenienti da famiglie con pochi mezzi. I nomi di alcuni di questi allievi sono riportati sulle numerosissime steli ancora presenti nei giardini del tempio; le steli sono sorrette da enormi tartarughe di pietra.

La capitale del Vietnam ha visto in questi anni una forte crescita del turismo ed è una meta sempre più richiesta anche in virtù del fatto che è stata inserita nell’elenco delle mete più economiche per vacanze low cost. Hanoi ha colto al volo questa richiesta sviluppando alcune infrastrutture turistiche e offrendo ai visitatori tour storici e naturalistici.

Cosa vedere nella capitale del Vietnam, la divina Hanoi