Cosa vedere nella capitale d’Estonia: tutti i colori di Tallinn

Dieci cose da vedere nella capitale dell’Estonia. Passeggiando per Tallinn tra colori e arte per scoprire una città medievale in un’atmosfera da fiaba.

Tallinn, proclamata dall’Unesco patrimonio dell’umanità, è la capitale più antica del nord Europa. All’inizio del XV secolo divenne un porto e il fulcro di traffici commerciali di notevole importanza. Gli edifici della città vecchia caratterizzati da tetti alti e spioventi, lo stile gotico delle chiese rendono la capitale dell’Estonia una città affascinante visitata da turisti che amano perdersi nel romanticismo dell’aria che si respira, ammirando le sue bellezze e percorrendo le stradine che porteranno a scoprire scorci e suggestioni da fiaba.

Ma Tallinn è anche una città alla moda e ricca di attrazioni per i giovani visitatori che scelgono di conoscerla, è un miscuglio di stili architettonici che vanno da quello medievale e gotico a quello futuristico dei grattacieli. Ecco un itinerario per scoprire le cose più belle da vedere nella capitale dell’Estonia.

Collina di Toompea. La città vecchia detta Vanalinn è circondata per due terzi dalle alte mura difensive in pietra calcarea e da 26 torri. Qui si trova il patrimonio storico della città grazie ai suoi palazzi antichi e alle sue cattedrali. Inoltrandoci nel centro storico e passeggiando tra i vicoli si sale alla collina di Toompea che tradotto significa “collina delle cattedrali”. Toompea è un esempio di sito medievale fra quelli meglio conservati in Europa; posizionato in centro alla capitale è situato su di un altopiano, secondo una leggenda popolare diffusa in Estonia sorgerebbe sopra il sepolcro di Kalev personaggio della mitologia.

Palazzo comunale e Raeapteek. Per chi ama l’arte e l’architettura, la piazza del Municipio, detta Raekoja Plats, regala con il suo palazzo comunale in stile gotico una fra le bellezze principali di Toompea. Sempre nella piazza è possibile visitare la Raeapteek ovvero la farmacia più antica del mondo, vanto della capitale dell’Estonia, tuttora in attività. Alle spalle della farmacia un arco introduce al Saia Kaik un tempo sede di numerosi panifici: come lo sappiamo? Poiché il suo significato è “passaggio del pane”; oggi è la via dove trovano posto le caffetterie più alla moda della capitale.

Linnamuuseum e Niguliste Kirik. Al fondo del passaggio del pane si può ammirare Puhavaimu Kirik, chiesa in stile gotico, con il suo orologio antico e la torre datata 1433. Poco oltre la chiesa è sito il Linnamuuseum che racconta ai visitatori le origini e la storia di Tallinn. Proseguendo lungo la stessa strada, a circa un minuto da Raekoja Plats, ci troveremo davanti alla Niguliste Kirik (dedicata a San Nicola): la sua imponenza e maestosità vi incanteranno così come il Museo dell’arte religiosa medievale che la chiesa luterana ospita.

Tra chiese e cattedrali: a ciascuno la sua. Passeggiando su e giù lungo la collina di Toompea visitate anche la cattedrale ortodossa Alexander Nevsky costruita sotto il dominio russo, riconoscibile nella sua architettura. La torre della cattedrale si fregia di avere la campana più grande dell’Estonia; troverete la cattedrale nella Lossi Plats nel punto più alto di Pikk Jalg. Nella città vecchia, invece, fate un salto alla chiesa luterana di Sant’Olaf (o Sant’Olav), meraviglioso esempio di gotico baltico, che vanta una guglia alta 159 metri, e se siete interessati a un confronto “ecumenico” alla cattedrale cattolica dedicata ai santi Pietro e Paolo.

Sicuramente Tallinn mantiene il giusto connubio tra il fascino della città medievale e la modernità della capitale europea invitando i turisti in giro per l’Estonia a scoprire la varietà delle sue numerose iniziative ed eventi che la rendono viva e ricca di cultura e i numerosi locali, ristoranti e pub che ne fanno una capitale trendy.

Il parco di Lahemaa. Poco distante dalla capitale, per gli amanti della natura, si trova Lahemaa il parco nazionale più grande d’Estonia, che ospita più di 200 specie di uccelli e 900 tipi di piante, contornato da spiagge di sabbia bianca, pinete e piccoli paesini tutti da visitare. Calcolate da 40 minuti a un’ora di viaggio in auto da Tallin per raggiungere questo bellissimo parco affacciato sul golfo di Finlandia. Se poi non resistete al fascino di un viaggio nel tempo per perdervi in uno scenario da fiaba, potrete organizzare un’escursione a Saaremaa e Muhu.

Saaremaa e Muhu. Raggiungibili con il traghetto, Saaremaa e Muhu vi sorprenderanno a prima vista con i loro mulini a vento, i loro paesaggi meravigliosi e la singolarità dei villaggi composti da abitazioni con tetti di paglia. Visitate l’antico e austero maniero di Muhu (Padaste Manor) che oggi ospita un hotel e un centro benessere fra i più belli al mondo. Questo luogo rappresenta un’oasi lontana dal rumore e dalla frenesia della capitale, per coccolarsi immersi nel verde della natura che caratterizza quest’area dell’Estonia.

Per arrivare a Tallinn, il mezzo più utilizzato è senza ombra di dubbio l’aereo; l’aeroporto internazionale della capitale è distante circa 5 chilometri dal centro della città. Chi non ha paura delle distanze può scegliere anche l’autobus che impiega circa 48 ore per raggiungerla da Roma o più di 40 e più ore da Milano, dove si rende comunque necessario un cambio di linea a Vilnius o Varsavia (magari con tappa di un giorno per visitarle). Ma se il tempo a vostra disposizione non è un problema programmando qualche sosta durante il tragitto, si può decidere di raggiungere Tallinn anche in automobile, oppure considerando di fare almeno due cambi, uno a Vienna e a Varsavia si può optare anche per il treno.

Una volta raggiunta Tallinn potrete usufruire di trasporti urbani efficaci e rapidi, dagli autobus ai tram e filobus che utilizzano lo stesso tipo di biglietto. Le principali linee di destinazioni partono dal terminale di Viru Keskus o da Vabaduse valjak, entrambe nel centro della capitale.

Cosa vedere nella capitale d’Estonia: tutti i colori di Tallinn