Cosa vedere ad Antalya, il gioiello della costa Turchese

Antalya è il cuore della costa Turchese, scoprite con noi monumenti, spiagge e antiche rovine per una vacanza dove storia e divertimento si fondono.

Affacciata lungo l’omonimo golfo (Antalya Körfezi) e circondata dai monti Tauro, Antalya (o Adalia) è la più grande città turca che si affaccia sulla costa mediterranea. Una città sospesa tra oriente e occidente – perfetta sintesi tra il mondo antico e il suo ruolo di capitale del turismo internazionale – che con le sue moschee, le antiche rovine e spiagge da sogno, mostra ai visitatori il fascino unico di una località magica e ricca di storia.

In effetti, la regione ha un passato di tutto rispetto. Antalya, la Attaleia fondata da Attalo II re di Pergamo, è stata caratterizzata da una lunga dominazione romana prima e bizantina poi. Ai tempi delle crociate, quando i guerrieri cristiani la scelsero come porto di imbarco per raggiungere la Terra Santa, la città era ricca e potente e passò poi sotto il dominio ottomano sino al 1923, anno della proclamazione della Repubblica Turca.

Antalya è una località costiera molto soleggiata, raggiungibile dall’Italia con voli diretti in partenza dalle principali città verso il suo aeroporto internazionale che dista dal centro circa 13 chilometri. Offre un’infinità di cose da vedere, perciò è consigliabile soggiornarvi almeno un settimana per visitare al meglio tutte le attrazioni. In città si circola meglio a bordo dei dolmus, i piccoli bus locali, o dei tramvay che conducono in tutte le destinazioni, dalle spiagge al centro storico fino alle zone più periferiche.

Meta imperdibile di ogni viaggio in Turchia, Antalya è considerata la perla della costa Turchese e oggi, come da duemila anni a questa parte, la frenetica vita della città ruota attorno all’antico porto romano, importante approdo dal II secolo a.C. e che rappresenta ancora un importante attracco per yacht e imbarcazioni da diporto.

Alle spalle del porto vecchio e adagiato sul fianco della montagna del Tauro se ne sta l’antico e pittoresco quartiere di Kaleiçi, letteralmente “dentro il castello”. Delimitato da mura romane, ora è un dedalo di vicoli e stradine strette e intrecciate dove pullulano ristoranti, locali, alberghetti, boutiques e negozi ricavati dalle antiche case ottomane restaurate.

La Città Vecchia di Antalya è un luogo davvero magnifico da visitare e inizia nella piazza principale chiamata Kale Kapısı, caratterizzata da un’antica torre dell’orologio e da una statua di Attalo II, il fondatore della città. A pochi passi si trovano anche l’ampia Piazza della Repubblica, ricca di bar e ristoranti, e il Museo di Antalya, composto da 14 sale in cui sono esposti migliaia di reperti che raccontano la storia della città, dalla preistoria al periodo romano e bizantino fino ai giorni nostri.

Assolutamente da non perdere è il famoso İki Kapılar Hanı, un enorme bazar coperto risalente alla fine del XV secolo, con tantissime bancarelle dove si possono comprare deliziosi souvenir da riportare a casa e che espongono stoffe colorate, argenti, gioielli e deliziosi oggetti in legno. Poco più avanti si trova, invece, la monumentale Porta di Adriano, eretta in occasione della visita ad Antalya dell’imperatore romano nel 130 d.C.. Sovrastata da tre archi in marmo bianco, la porta è ornata da bassorilievi e incisioni e ancora oggi è possibile vedere le due torri che la fiancheggiano.

Nel lato meridionale di Kaleiçi si trova il complesso dell’Yivli Minare composto da opere risalenti all’inizio del XIII secolo, tra cui lo straordinario minareto scanalato, un’alta torre realizzata in mattoni rossi e decorata con mosaici e piastrelle. Accanto, svetta la Moschea di Yivli Minare del 1373 e tuttora funzionante. Considerata il simbolo della città, l’opera è conosciuta anche come il minareto tronco, poiché la torre superiore è priva di guglia a causa di un incendio che la distrusse nel XIX secolo. All’interno del complesso si trova anche il Monastero Mevlevi Tekke, completamente restaurato.

Nei pressi del Parco Karaalioğlu, pieno di fiori e piante tropicali, splendide fontane e aree attrezzate per lo sport, si erge la torre romana di Hıdırlık, una costruzione del secondo secolo, alta 14 metri e che un tempo veniva probabilmente utilizzata come faro e fortezza difensiva. Dalla cima del parco, caratterizzata da una scogliera rocciosa, si può ammirare un panorama spettacolare sul litorale di Antalya.

Per chi vuole sperimentare le gioie del tradizionale hamam turco, ad Antalya, i posti ideali sono il Balık Pazarı Hamamı di Kaleiçi – risalente a 700 anni fa – o il suggestivo Sefa Hamamı, che conserva uno stile architettonico selgiuchide duecentesco. Entrambe le strutture comprendono aree separate per uomini e donne, con trattamenti completi di bagni e massaggi a prezzi davvero convenienti.

Tra le tante cose da vedere ad Antalya, ci sono sicuramente le meravigliose spiagge. La lunga fascia costiera conta su calette e piccole baie incastonate in un paesaggio naturale incredibile e capaci di offrire ottimi servizi, strutture accoglienti e tanto divertimento. Poco distante dalla città, vi suggeriamo la spiaggia di Alanya, una striscia di sabbia nota soprattutto per la sua vita notturna, la spiaggia di Konyaalti, caratterizzata da fondali bassi e sabbiosi e da un mare cristallino, e la spiaggia di Lara, un po’ più lontana dal centro di Antalya, ma circondata da una splendida pineta.

Dal porto di Antalya, inoltre, partono diversi tour ed escursioni marine che raggiungono zone come grotte e insenature nascoste o le isole lungo la costa. La vita notturna ad Antalya, infine, è molto vivace e non mancano le discoteche o tante altre opportunità di divertimento sia sul lungomare sia intorno al vecchio porto romano, dove si incontrano diversi locali alla moda, bar e ristoranti.

Cosa vedere ad Antalya, il gioiello della costa Turchese