Cosa vedere a Malta, gemma culturale nel cuore del Mediterraneo

Un itinerario alla scoperta di Malta, Gozo e Comino, dal santuario ipogeo di Hal Saflieni alle opere di Caravaggio della cattedrale di San Giovanni.

Malta, arcipelago situato nel cuore del mar Mediterraneo, a soli 80 km dalle coste siciliane è un Paese affascinante con una ricchezza di storia, arte e cultura che ogni anno attira milioni di turisti provenienti da tutto il mondo. Trascorrere una vacanza a Malta può essere un’esperienza straordinaria, con il suo mare cristallino, le spiagge sabbiose e il sole. Ma c’è di più: questi luoghi vi porteranno in un viaggio a ritroso nel tempo, ripercorrendo i millenni attraverso una varietà di scenari culturali differenti e suggestivi.

Le tre isole, Malta, Gozo e Comino fanno dell’arcipelago maltese un paradiso culturale straordinario. Nel Paese si trovano tre siti dichiarati dall’UNESCO patrimonio dell’umanità: la capitale La Valletta, città fortezza costruita dai Cavalieri di San Giovanni tra il XVI e il XVII, i templi megalitici di Gozo e infine il misterioso Ipogeo di Hal Saflieni, l’unico tempio preistorico sotterraneo del mondo.

Malta, gemma culturale nel cuore del Mediterraneo con i suoi sette mila anni di storia, è un grande museo a cielo aperto. Ogni località rappresenta, di per sé, un monumento storico, che condurrà il visitatore alla scoperta di vecchie rovine ed antichità. Non perdetevi la visita di alcune delle gemme più affascinanti di Malta, dalla Valletta alla misteriosa tranquillità di Mdina e Rabat, alle pittoresche vedute di Senglea, Vittoriosa e Cospicua, nonché Victoria nell’isola sorella di Malta, Gozo.

Fiore all’occhiello di Malta è la Valletta, posta su una penisola che si affaccia su porti e insenature su entrambi i lati, la città ha sostituito Mdina come capitale della nazione. Chiamata anche la Città-fortezza, perché protetta da una serie di bastioni a picco sul mare, nasce tra il XVI e il XVII e prende il nome da Jean Parisot de la Valette, Gran Maestro dell’Ordine di S. Giovanni. I fondatori la definirono “una città costruita da gentiluomini per gentiluomini” e in effetti la Valletta conserva ancora oggi numerose bellezze storiche e artistiche di alto valore e di primario interesse culturale.

La Valletta oggi è un posto eccezionale per gli appassionati di storia con alcuni dei musei più belli, tutti facilmente raggiungibili a piedi. Una passeggiata per le vie del centro storico perfettamente conservato è l’occasione ideale per scoprire alcuni dei musei più belli, palazzi, chiese e tesori barocchi. Per chi intraprende quest’avventura godrà di una meravigliosa ricompensa fatta di meravigliose vedute panoramiche, e soprattutto, della sorprendente architettura barocca che caratterizza la città.

Tappe irrinunciabili sono il Palazzo del Gran Maestro, oggi residenza del Presidente della Repubblica e sede del Parlamento di Malta e il Museo Archeologico Nazionale. Quest’ultimo, da sempre legato ai cavalieri di Malta e situato nel meraviglioso edificio barocco di Auberge de Provence di Republic Street, ospita manufatti antichi risalenti a prima del 5000 a.C., tra cui la famosa “Venere di Malta” e la celebre scultura della “Donna Addormentata” che riposa su un fianco, simbolo della fertilità femminile.

Di grande interesse anche Il Museo Nazionale di Belle Arti a pochi passi dall’ingresso principale di La Valletta o la Cattedrale di St. John, uno splendido esempio di arte barocca che ospita ben due opere di Caravaggio, e gli Upper BaraKKa Gardens, i giardini che dominano il Porto Grande di Malta, che rappresentano un gradevole rifugio ed un oasi silenziosa da cui ammirare il panorama su Senglea, Vittoriosa e Cospicua. Republic Street è invece il cuore commerciale de La Valletta su cui si affacciano boutique con le migliori griffe dei marchi internazionali, botteghe artigiane e locali dove comprare scialli, merletti, oggetti in vimini.

Malta, gemma culturale nel cuore del Mediterraneo, conserva nei dintorni della capitale altre località di interesse storico come i Templi di Ġgantija, circondati da mura di cinta: prendono il nome dalla parola maltese “Ggantjia”, che significa giganti. I templi di Ġgantija si trovano sull’isola di Gozo, comodamente raggiungibile da La Valletta, e risalgono al 3600 a.C.  A sud, sull’isola di Malta, si trova Rabat, antica residenza delle nobili famiglie maltesi. Un gioiellino di storia e archeologia e soprattutto un importante centro religioso, infatti ospita da secoli i conventi di frati Domenicani, Agostiniani e Francescani.

Una delle attrazioni più suggestive di Malta e’ senza dubbio l’antico borgo di M’dina, residenza delle famiglie nobili maltesi che ancora oggi con il suo fascino permette di scoprire le sue bellezze, come la Cattedrale di San Paolo, eretta nel 1600, e il Palazzo Falson, la dimora normanna più antica di M’dina. E per concludere il nostro tour culturale, proponiamo per gli amanti del culto e del mistero una visita all’Ipogeo di Hal Saflieni, un labirinto preistorico sotterraneo che, con le sue catacombe e tombe, è considerato dagli esperti il luogo di sepoltura più grande del mondo. Essendo un luogo di piccole dimensioni è consigliabile prenotare per tempo. La visita guidata dura circa un’ora e prevede un numero massimo di 12 partecipanti. Altra nota da evidenziare: il sito non è accessibile per i bambini al di sotto dei sei anni.

Cosa vedere a Malta, gemma culturale nel cuore del Mediterraneo