Cosa vedere a Lisbona, incantevole porta sull’oceano

Ecco cosa vedere a Lisbona, una città affascinante e suggestiva dove nelle vie del centro storico passato moresco e portoghese convivono in armonia.

Lisbona è la capitale del Portogallo, una città di più di 500.000 abitanti sulle sponde dell’Oceano Atlantico ed erede di una lunga storia che ha saputo unire la tradizione moresca della dominazione araba con quella portoghese. Secondo la leggenda fu Ulisse stesso a fondare la città durante le sue peregrinazioni dopo la guerra di Troia, ma quello che è certo è che questa città affacciata sull’oceano, base di partenza per il Nuovo Mondo, è ancora una meta meravigliosa per un viaggio da non dimenticare. Oggi, la città è calda e accogliente; vi suggeriamo di percorrere a piedi le vie del centro e di ricorrere agli storici tram oppure alla comoda metropolitana per gli spostamenti più lunghi.

Per iniziare la nostra passeggiata per la città natale del grande poeta Fernando Pessoa, la prima tappa è la cattedrale romanica Sé, una delle più antiche di Lisbona e costruita dal primo re portoghese all’inizio del XII secolo, dopo la sconfitta dei mori. “Sé” è la contrazione di sedes episcopalis, sede vescovile in latino, poiché la cattedrale divenne la prima sede del vescovo di Lisbona. L’imponenza esterna e la semplicità interna sono le caratteristiche principali della chiesa, che nei secoli ha subito molti restauri a causa dei terremoti che l’hanno danneggiata. L’edificio è un mix di stili architettonici che unisce armoniosamente elementi romanici e gotici, e se volete scoprire i dettagli della sua storia, i suoi preziosi manoscritti e le raffinate collezioni, la scelta ideale è quella di visitare il museo del tesoro della cattedrale presente al suo interno.

Dopo aver visitato la cattedrale prendetevi un po’ di tempo per esplorare gli stretti vicoli dell’Alfama, che mostra ancora oggi tutti i tratti dell’antica città moresca, la kasbah. Nei vicoli troverete molti piccoli locali caratteristici, frequentati dai lavoratori del quartiere, mentre dalla balconata di Santa Luiza si può godere di una splendida vista sul panorama della città che scende fino al fiume Ago. Due musei piccoli ma molto interessanti, che potrete visitare mentre esplorate il quartiere, sono il Museu de Artes Decorativas, che conserva una grande collezione di porcellane, stucchi e altre piccole meraviglie, e il Museu Militar, che invece narra la storia della nazione portoghese attraverso le sue vicende militari per mezzo di una ricca collezione di armi antiche.

La principale attrazione del quartiere è però il Castello di Sao Jorge, costruito sulla precedente fortezza araba dopo la conquista cristiana, e che dal 1147 fino al 1511 è stato la sede della famiglia reale. Il castello venne gravemente danneggiato nel grande terremoto del 1755 che devastò la città e l’aspetto attuale si deve al restauro del 1938 che trasformò la fortezza in un giardino panoramico.  All’interno del castello consigliamo di visitare il museo che racconta la sua storia in rapporto con Lisbona e la Torre de Ulisses nella quale è stato costruito uno speciale apparecchio ottico che proietta l’immagine della città a 360° in una camera oscura, mentre il percorso sui bastioni vi permetterà di godere di una bella vista sull’intera Lisbona.

Scendendo dalla collina del castello potete dirigervi verso il quartiere la Baixa, frequentato dal poeta, e abbandonando le stradine della città più antica, entrerete nella zona ricostruita dopo il terremoto del 1755, organizzata come un’ordinata griglia di strade perpendicolari che si spingono dalla piazza Rossio alla grande Praca do Comercio. Se cercate locali e ristoranti caratteristici e tradizionali, la zona attorno al Rossio fa al caso vostro. Questa piazza, una volta centro civile e religioso della città, è una meta molto frequentata dai turisti per i suoi negozi e da non perdere è il teatro Donna Maria, uno dei più antichi della città, con la sua imponente facciata neoclassica.

Poco più a sud si trova la grande Praca do Comercio, che dal 1511 è la piazza più importante di tutta Lisbona, dove avevano sede il Palazzo Reale e le principali istituzioni dello stato. Ricostruita anch’essa dopo il terremoto è oggi una delle piazze più suggestive della città, incorniciata da un lungo portico che termina nel maestoso Arco da Rua Augusta. Ideale per una passeggiata lungo il fiume Tago la piazza è anche la sede del Lisboa Story Center, un museo all’avanguardia, interattivo e multimediale che racconta la storia della città.

A pochi passi dalla piazza si trova una delle attrazioni più spettacolari di Lisbona, l’ascensore di Santa Justa, una terrazza panoramica in stile neogotico dalla quale ammirare l’intera città. Costruito completamente in acciaio e legno alla fine dell’Ottocento dall’ingegnere Raoul Mesnier du Ponsard, questo punto panoramico al centro di Lisbona permette di godere di una straordinaria vista sul fiume Tago verso sud e sulle zone del Rossio, della Baixa e del Castello di São Jorge verso est. Per accedere alla piattaforma è possibile utilizzare gli eleganti ascensori alla base, oppure è sufficiente arrivare direttamente dalla passerella che la collega a largo do Carmo.

La nostra passeggiata per il centro storico di Lisbona prosegue entrando nel quartiere del Bairro Alto, dove potrete scegliere di fare shopping negli eleganti negozi in largo Do Chaido e in Rua Garrett, rilassarvi nelle numerose birrerie e locali attorno a Largo do Carmo e visitare le spettacolari rovine della chiesa di Igreja do Carmo. Questa chiesa gotica, edificata nel 1300 dall’ordine Carmelitano, venne gravemente danneggiata dal terremoto del 1755 e oggi si presenta come un’incredibile struttura aperta con ai lati gli archi ogivali che si innalzano verso il cielo e i rosoni privi di vetri, come grandi occhi che guardano verso la città. La navata centrale e il coro della chiesa non crollarono durante il terremoto e oggi sono diventati la sede del Museu do Carmo, che conserva una raccolta di oggetti e reperti archeologici che spaziano dall’antichità romana a resti visigoti ma anche una serie di reperti che provengono dal Messico e dal Sud America.

Per concludere la passeggiata, la scelta migliore è rimanere fino a sera nel quartiere del Bairro Alto dove tra le tascas, le tradizionali osterie della città, e i molti locali come birrerie e bar, potrete rilassarvi dopo aver trascorso una giornata alla scoperta della storia di Lisbona.

Cosa vedere a Lisbona, incantevole porta sull’oceano